Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Asti, piscina nega ingresso a nigeriani «perché neri». La denuncia della famiglia

Il tutto è stato immortalato in un video diffuso sui social

Mercoledì 17 Agosto 2022
Asti, piscina nega ingresso a nigeriani «perché neri». La denuncia della famiglia
3

In una piscina vicino Asti a una famiglia nigeriana è stato negato l'ingresso perché "neri". «Non potete entrare a causa di direttive imposte dai gestori della struttura», avrebbe detto l'impiegato prima di suggerire nuovamente ai suoi interlocutori di allontanarsi dalla piscina. In alcuni filmati, diffusi online, si vede una ragazza spiegare alla reception che i suoi documenti riportano la dicitura "italiana". "Sono nata qui – ha ribadito sotto l'occhio della telecamera – non in Nigeria. Io sono italiana".

Ravenna, «sedicenne lasciato fuori da un locale per il colore della sua pelle»: la denuncia di una mamma al concerto di Capoplaza

Asti, piscina nega ingresso a famiglia nigeriana: cosa è successo

L'episodio risale a ieri mattina quando marito e moglie, in compagnia dei figli, si sono recati in piscina per trascorrere la giornata. All'ingresso del lido, però, l'amara sorpresa. La famiglia prima è stata fatta attendere diversi minuti al botteghino d'ingresso, poi è stata invitata ad andarsene. Quando la coppia di genitori ha chiesto giustamente spiegazioni, l'impiegato all'ingresso non sarebbe stato in grado di dare una risposta valida: «Non potete entrare a causa di direttive imposte dai gestori della struttura».

Il video

La vicenda è stata immortalata in un video, poi postato sui social. La famiglia alla fine è stata costretta ad andarsene senza poter passare una normale giornata in piscina. Un altro episodio di razzismo simile era stato segnalato alcuni giorni fa a Marina di Ravenna, quando a un adolescente di 16 anni è stato negato l'ingresso nella discoteca dove si sarebbe svolto il concerto del suo cantante preferito. Alla base di questa decisione, motivi razziali. In fila insieme al 16enne altri 15 ragazzini di origine africana. Il locale aveva giustificato tale decisione dicendo di aver applicato quanto stabilito dai proprietari.

Ghali dona a "Mediterranea" una barca per il salvataggio dei migranti: «Sono persone che fuggono e vanno salvate»

Ultimo aggiornamento: 15:21 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci