Raffaele Sollecito: «Io e Amanda giovani, belli e di buona famiglia: gli inquirenti sono stati invidiosi»

Sollecito: «Io e Amanda giovani, belli e di buona famiglia: gli inquirenti sono stati invidiosi»
«Io e Amanda siamo stati assolti, siamo innocenti, ma secondo me la gente non l'ha ancora capito». Raffaele Sollecito parlato della vicenda legata all'omicidio di Meredith Kercher intervenendo ai microfoni di Rai Radio2 nel corso del format «I Lunatici». «Dipende - ha aggiunto - da come i media hanno descritto sin dall'inizio la situazione». Il giovane ha poi detto che da parte degli inquirenti c'è stata «un pizzico d'invidia» dovuta al fatto che lui e la Knox sono «giovani, belli e con una buona famiglia alle spalle». «Io sono stato sempre descritto come il lacchè di Amanda» ha affermato ancora Sollecito.
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

#smashingpumpkins do you think you cal tell

Un post condiviso da Raffaele Sollecito (@raffasolaries) in data:



«Tutto quello che c'è stato dopo l'assoluzione - ha proseguito - non è stato altro che un clamore mediatico dove anche gli inquirenti non hanno mai chiesto scusa, anzi hanno detto che abbiamo avuto fortuna, quando loro hanno commesso un errore clamoroso, sbattendo in carcere per quattro anni due persone innocenti e rovinandogli la vita». «Gli inquirenti e i pubblici ministeri - ha ribadito - non hanno mai chiesto scusa, non hanno mai detto di aver sbagliato, continuano a dire di avere sospetti, ma secondo me si dovrebbero vergognare. Quando chi dice che siamo colpevoli fa parte delle istituzioni, si investe di una certa autorità - ha sostenuto Sollecito, in base a quanto riferiscono I lunatici -, di cui mediamente l'italiano si fida. Il popolo si è fidato delle autorità. E poi c'è anche secondo me un pizzico di invidia ingiustificabile, dovuta al fatto che magari invidiano che siamo giovani, belli, con una buona famiglia alle spalle». «Amanda ha detto di aver pensato al suicidio?» le parole di Sollecito «Io ho affrontato più volte - ha aggiunto - periodi di depressione molto forte. In uno degli ultimi periodi ci ho pensato».

 
 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Giovedì 20 Giugno 2019, 11:57






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Raffaele Sollecito: «Io e Amanda giovani, belli e di buona famiglia: gli inquirenti sono stati invidiosi»
CONDIVIDI LA NOTIZIA
VIDEO
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 30 commenti presenti
2019-06-21 13:56:08
si tutto "sommato" per quanto "innocente" (come dopo 4 anni stabilito) conveniva "confessarsi colpevole" e avrebbe avuto "Laurea Gratis" "spese processuali e avvocati d'ufficio" magari lettere di "ammiratrici" il posto assicurato appena usciva "anni 12 e non 30" qualche "indennita' di reinserimento" [ma che siamo tutti pazzi?] l'è tutto sbagliato l'è tutto da rifare
2019-06-21 12:47:25
Ringrazia il Padreterno che insieme a te c'era inquisita per lo stesso reato un americana altrimenti stavi gia' scontanto l ergastolo..ah ah ah
2019-06-21 00:08:19
La knox inizio' a scagionarsi accusando per l'omicidio di Meredith il barista Patrick Lumumba, il quale si fece due settimane in carcere! Ora dice che il vero assassino e' rudy guede, il quale ha probabilmente partecipato al delitto; ma non credo da solo! Possibile che tutti gli altri giudici che l'avevano condannata si fossero sbagliati?
2019-06-21 09:55:19
possibile che i "giudici di M@lano" che hanno rilasciato Guede' 2 o 3 giorni prima si siano sbagliati?
2019-06-21 14:16:44
semplice constatazione: 1) se l'avessero tenuto a "San Vittore" non poteva certo ammazzare"Meg" 2) se poi fosse stato "innocente"(ammesso e non concesso) avrebbe avuto un "alibi di ferro"! ma quei giudici sono "purtroppo per lui" stati di manica larga.