Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Alessia Pifferi e i messaggi in carcere. L'avvocato: «Molti da fuori chiedono di aiutarla con soldi o vestiti»

Al momento la donna responsabile della morte di stenti della figlia Diana è in totale isolamento. «Indossa sempre la stessa maglietta dal giorno dell'arresto, è controllata 24 ore su 24 e questo la sta distruggendo»

Sabato 13 Agosto 2022
Alessia Pifferi e i messaggi in carcere. L'avvocato: «Molti da fuori chiedono di aiutarla con soldi o vestiti»
3

Alessia Pifferi si trova in carcere, eppure c'è chi nonostante la morte di stenti della figlia Diana, abbandonata per una settimana in casa da sola, non vuole lasciarla sola. Già, perché sono in tanti che a quanto pare cercano di offrirle un sostegno, anche economico. Arrivano messaggi da recapitarle tramite l'avvocato Solange Marchignoli, richieste di chi spera di poterla aiutare in qualche modo, inviandole soldi o altri beni (scarpe o vestiti) in carcere. 

Il caso ha scosso tutto il Paese: Alessia Pifferi ha abbandonato per una settimana la piccola Diana in casa da sola, lasciandola morire di stenti. Inevitabile lo schieramento dell'opinione pubblica, che però non ha avuto lo stesso effetto su tutti. «Ricevo un sacco di e-mail di persone che vorrebbero aiutare la signora Pifferi. Vorrebbero mandarle dei soldi, o acquistare beni da far recapitare in carcere», ha detto l'avvocato a Zona Bianca, il programma su Rete 4. «Un sacco di persone vorrebbero contattarla e aiutarla nella sua solitudine. Questa persona è sola. Un conto è il reato, un conto la persona umana».

Alessia Pifferi, i messaggi e la solitudine in carcere

Al momento Alessia Pifferi è in totale isolamento: «Si chiede perché è così sola, perché ha solo noi due avvocati - ha detto l'altro legale, Luca D'Auria -. Non ha mai più sentito nessuno, e questo la addolora molto. Mi ha parlato della mamma, del compagno». Entrambi però le hanno chiuso le porte in faccia: la prima l'ha definita «un mostro» e ha detto di non volerla più vedere. L'ormai ex compagno non ha risparmiato la donna neanche negli interrogatori e non ha mai più cercato la donna. 

Alessia Pifferi, le confessioni: «So chi è il padre di Diana e sapevo di essere incinta, ma lui ignora tutto»

Adesso «la signora indossa sempre la stessa maglietta dal giorno dell'arresto. Non riesce a cambiarsi, è controllata 24 ore su 24, anche quando è nei luoghi più privati della cella e questo la sta distruggendo. Oggi l’ho trovata realmente sofferente. Sta ripensando a quello che è accaduto, ma ha bisogno di persone».

Ultimo aggiornamento: 14 Agosto, 10:17 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci