Alessandria, due 17enni picchiano richiedente asilo e postano il video su Facebook: denunciati

PER APPROFONDIRE: aggressione, alessandria, migrante
Picchiano richiedente asilo e postano il video su Fb: denunciati due minorenni
Picchiano un immigrato richiedente asilo, poi postano il video su Facebook. Di questo sono accusati due ragazzi 17enni di Acqui Terme. La vittima, trasportata all'ospedale, è stata dimessa con una prognosi di 5 giorni per un lieve trauma cranico. Il fatto è avvenuto l'8 agosto, ma solo ieri è stata segnalata ai Carabinieri la presenza in rete di un video in cui si vedeva un un giovane di colore circondato da altri giovani. Le indagini hanno portato all'identificazione di due 17enni acquesi.

Uno dei due ragazzi è residente in città, l'altro e in un paese vicino. Sono stati denunciati per istigazione per delinquere e lesioni personali. L'aggressione è avvenuta vicino a Palazzo Levi, sede del Comune di Acqui. La vittima stava osservando i resti romani del sito archeologico sottostante, quando è stato avvicinato dai due 17enne. Uno di loro, incitato dall'altro, ha iniziato a offendere l'immigrato nell'evidente intenzione di cercare lo scontro. Dalle provocazioni a parole, è presto passato agli spintoni fino a prendere di peso il giovane di colore buttandolo a terra. Dopo poche ore di indagini i militari hanno ricostruito i fatti oltre all'aggressore, già noto alle forze dell'ordine, anche il coetaneo complice. Le indagini proseguono per identificare gli altri presenti, tra cui l'autore del video.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Giovedì 31 Agosto 2017, 15:25






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Alessandria, due 17enni picchiano richiedente asilo e postano il video su Facebook: denunciati
CONDIVIDI LA NOTIZIA
VIDEO
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 24 commenti presenti
2017-09-01 15:12:21
sono ragazzi, come una volta: succedeva in classe si chiamava "bullismo" (contro il "secchione" che non aiutava a copiare) succedeva nelle caserme e si chiamava "nonnismo" (contro la "recluta" da parte degli anziani che a loro volta erano stati sbrandati o gavettonati) succedeva nei luoghi di lavoro e si chiamava "mobbing" (piu' colleghi contro chi gli sta' sulle scatole) adesso con gli "extra" se le prendono si dice "razzismo" e se le danno ....te le tieni che tanto non risarciscono (nullatenenti e nullafacenti) non pagano spesso minorenni e vai al P.S. (pagando il "ticket" ovvio
2017-09-01 12:48:15
Queste sono risorse nostre, non della Boldrini.... prima gli italiani!
2017-09-01 12:14:48
chissa' chi poi ha iniziato il tutto? basta pensare a FERMO che solo "a bocce ferme" si seppe chi era il cattivo ..... e chi era ......... pure peggio di lui.
2017-09-01 12:01:07
Ma quando gli "extra" faranno qualcosa di "veramente grave"? si rispolvereranno i "crimini coloniali" del regno d'italia in Libia e Abissinia fra il 1910 e il 1936 (qualche giorno fa un MSF o qualcosa del genere diceva che dobbiamo accogliere e mantenere i "profughi" danneggiati [in fuga?]da quella guerra)
2017-09-01 11:44:32
devono possedere un vero "archivio" di notizie del genere "uguali e contrarie" da "contrapporre" come un "bilanciamento" da "stigmatizzare" quando ci sono ripetuti casi di "violenze" di "extra contro locali" altrimenti sembra solo che "subiamo passivamente"