Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Voli cancellati, incubo per 150 italiani bloccati a Minorca. Il racconto di Alessandro: «Biglietterie prese d'assalto»

Disagi all'aeroporto dell'isola spagnola per la cancellazione del volo Minorca - Fiumicino

Lunedì 4 Luglio 2022
Caos voli, incubo per 150 italiani bloccati a Minorca. Il racconto di Alessandro: «Biglietterie prese d'assalto»

Il rientro dalle vacanze si è trasformato in un incubo per 150 passeggeri - per lo più italiani che dovevano rientrare ieri, 3 luglio, dall'isola di Minorca (Spagna). Nell'aeroporto dell'isola baleare ieri notte si è scatenato il caos a causa di un volo cancellato della compagnia ungherese WizzAir, programmato alle 22:50 da Minorca a Roma Fiumicino. 

Notte di caos all'aeroporto di Minorca «Un incubo»

«Il volo è stato inizialmente posticipato un paio di volte, poi ci è stato detto che doveva partire all'1:30» racconta Alessandro Tomassini, di Roma, passeggero del volo che era in vacanza con la famiglia. Ma l'aereo che doveva arrivare da Roma Fiumicino non è mai arrivato. Dopo ore di attesa, sugli schermi dell'aeroporto è apparsa finalmente la scritta "Cancelled". «Si è scatenato il caos: un centinaio di passeggeri si sono riversati al banco informazioni perchè non riuscivamo a contattare la compagnia». Tra i passeggeri rimasti a terra tantissimi italiani e molte famiglie: Minorca, a differenza delle altre isole baleari come Ibiza è infatti frequentata per lo più da turismo familiare. 

«Tamite e-mail la compagnia ci ha invitato a tornare con il volo della stessa compagnia 7 luglio, 4 giorni dopo, una richiesta assurda così è partita immediatamente la corsa ad acquistare online sui siti delle altre compagnie i biglietti per tornare a casa». Il tutto si è concluso a tarda notte, in cui i passeggeri sono stati portati in hotel con taxi pagato tramite un voucher (anche se per l'hotel non hanno ancora avuto alcun rimborso). 

Alla fine Alessandro per tornare a Roma con la famiglia ha dovuto sborsare altri 200 euro in tutto (che si aggiungono ai 140 che era costato originariamente il volo di ritorno): «Non potevo aspettare il 7, farò richiesta di rimborso per il volo cancellato» racconta.  

Ultimo aggiornamento: 20:48 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci