Nozze e funerali, in mancanza di sacerdoti «in via eccezionale» potranno celebrare i laici

Lunedì 20 Luglio 2020
Nozze e funerali, in mancanza di sacerdoti potranno celebrare i laici «in via eccezionale»

La carenza di sacerdoti potrà portare, in via «eccezionale», a far celebrare anche laici. In particolare vale per i battesimi, i funerali, i matrimoni. «Il Vescovo, a suo prudente giudizio, potrà affidare ufficialmente alcuni incarichi ai diaconi, alle persone consacrate e ai fedeli laici, sotto la guida e la responsabilità del parroco», si legge nell'Istruzione sulle parrocchie. Potranno presiedere la Liturgia della Parola, là dove non si può celebrare la Messa per mancanza di sacerdoti; «Non potranno invece in alcun caso tenere l'omelia durante la celebrazione dell'Eucaristia. Inoltre, »dove mancano sacerdoti e diaconi, il Vescovo diocesano, previo il voto favorevole della Conferenza Episcopale e ottenuta la licenza dalla Santa Sede, può delegare dei laici perché assistano ai matrimoni».

Papa Francesco festeggia per la prima volta i 50 anni di nozze d'oro di un amico

Il Papa riprende la Cei: «Boicottate la riforma sulla nullità delle nozze». Poi apre a un Sinodo sull'Italia

Papa, la Chiesa deve insistere su fedeltà e unità degli sposi

Ultimo aggiornamento: 13:54 © RIPRODUZIONE RISERVATA