Maestra balla sui tavoli dell'asilo e lancia la pappa su viso bimba: licenziata per giusta causa

PER APPROFONDIRE: asilo, maestra licenziata, roma
Immagine di repertorio
Confermato dalla Cassazione il licenziamento per giusta causa nei confronti di una maestra di un asilo nido della capitale - il "Mameli" a Trastevere, alle pendici del Gianicolo - colpevole di vari episodi caratterizzati da «incoerenza con il progetto educativo del Regolamento degli Asili Nido e con lo Statuto del Comune di Roma». Tra questi, l'abitudine di ballare sui tavoli apparecchiati della mensa dei bambini, obbligandoli a stare seduti e a guardare le sue esibizioni che avvenivano con tanto di base musicale; era inoltre solita mangiare dal piatto dei piccoli che poi non toccavano più cibo. Segnalava, inoltre, al cuoco la presenza di un bambino in più per mangiare il pasto aggiuntivo; usava toni minacciosi e tirava giù le serrande e chiudeva le luci per far stare zitti i bambini; gli dipingeva le labbra con i pennarelli, facendoli piangere.

Più volte - ricorda ancora il verdetto della Suprema Corte - aveva chiamato i genitori dicendo di venirsi a prendere i figli perchè, a suo dire, il numero delle educatrici non era proporzionato a quello dei bambini. Alla maestra, Giulia Licastro, di 67 anni, era stato anche contestato, sottolinea ancora la sentenza, di aver tentato di chiudere nella porta la mano di una bimba, di aver appoggiato la scarpa sulla testa di un bambino per costringerlo a rimanere seduto e aveva anche lanciato da un cucchiaio del cibo sul viso di una bambina. Nei confronti della maestra è ancora in corso in processo penale per maltrattamenti nell'ambito del quale, in primo grado, è stata condannata a due mesi di reclusione. Senza successo, la difesa ha sostenuto la sproporzione tra i fatti e la sanzione del licenziamento, facendo anche riferimento a un presunte condotte «mobbizzanti» da parte del Comune e delle colleghe.

Ad avviso della Suprema Corte, il licenziamento è stato giustamente comminato «tenendo conto della funzione di educatrice della Licastro, della particolare condizione di sensibilità ed influenzabilità dei bambini dovuta alla loro tenera età, e per questo necessitanti di percorsi educativi di iniziale educazione all'integrazione nella vita sociale, della importanza delle esperienze di partecipazione dei bambini, della incoerenza dei comportamenti addebitati e posti alla base del licenziamento con il progetto educativo del Regolamento degli Asili Nido e con lo Statuto del Comune di Roma». Per la Cassazione (sentenza 25972), la decisione con la quale la Corte di Appello nel 2012 ha ratificato il licenziamento ha correttamente messo in evidenza «la rilevanza degli inadempimenti, delle conseguenze, sia pure temporanee, delle condotte della Licastro sull'inserimento dei bambini nel nido e sulla crescita degli stessi, della intenzionalità delle condotte addebitate e del grado di imprudenza dimostrato nella relazione con i bambini». I fatti risalgono al 2003-2004 e la vicenda emerse in seguito alle denunce dei genitori di tre bambini.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Martedì 31 Ottobre 2017, 17:34






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Maestra balla sui tavoli dell'asilo e lancia la pappa su viso bimba: licenziata per giusta causa
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
1 di 1 commenti presenti
2017-10-31 22:13:50
Licenziamento meritato!