Reddito di cittadinanza, la furbetta gioca alle slot e vince 120mila euro ma si tiene il sussidio: ora rischia il carcere

Vanessa Cardia, 29enne romana, non aveva mai comunicato la variazione del patrimonio: accusata per frode

Sabato 25 Novembre 2023 di G. P. C.
Reddito di cittadinanza, la furbetta gioca alle slot e vince 120mila ma si tiene il sussidio: ora rischia il carcere

Ha continuato a percepire il reddito di cittadinanza come se nulla fosse nonostante avesse vinto una fortuna al gioco. Questa la motivazione che ha portato la 29enne romana Vanessa Cardia a processo per frode davanti al giudice monocratico di piazzale Clodio. La donna, si legge nel capo di imputazione, avrebbe ricevuto dalla piattaforma di slot machine virtuali, tre vincite da 25, 12 e 76 mila euro per un ammontare complessivo di 115 mila euro.

Una fortuna non indifferente che le ha permesso di portarsi a casa l'ingente quantità di denaro. Ma la Cardia ha dimenticato di comunicare la variazione del suo capitale che avrebbe avuto come conseguenza la sospensione dell'erogazione del Reddito di cittadinanza. Al momento della presentazione della domanda l'imputata presentava effettivamente i requisiti necessari a percepire l'aiuto dello Stato ma, nel momento della variazione del patrimonio, la donna avrebbe dovuto tempestivamente avvisare gli organi competenti che di conseguenza avrebbero sospeso l'erogazione. E invece lei a continuato a vincere, giocare e stare zitta nella speranza che nessuno facesse dei controlli approfonditi.

Incassi per 500 mila euro, ma intascano il reddito di cittadinanza: due famiglie rom denunciate

Reddito di cittadinanza, denunciati 186 furbetti. Truffa da un milione di euro

L'OMISSIONE

L'accusa è quella di «aver omesso di comunicare al Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali e al Ministero dell'Economia e delle Finanze, la vincita di cospicue somme di denaro da piattaforme di giochi online». La frode e la mancata comunicazione della variazione del reddito è stata scoperta dalla Guardia di Finanza di Tivoli, durante un'indagine sui furbetti del reddito di cittadinanza. Nell'ambito dei rapporti di collaborazione istituzionale tra forze dell'ordine e Inps è stato rilasciato l'accesso al portale "domande reddito cittadinanza" e attraverso l'interrogazione della banca dati Agenzia delle dogane e Monopoli, in riferimento alle giocate e alle movimentazioni di denaro, è facilmente emerso che la Cardia avrebbe acquisito il possesso di somme e valori ben superiori alle soglie. Secondo l'articolo 7 del decreto legge numero 4 del 2019 infatti, l'omessa comunicazione delle variazioni porta alla revoca o alla riduzione del sussidio, anche se i soldi provengono da vincite al gioco. Adesso la Cardia rischia il carcere. Durante l'udienza di ieri mattina il pubblico ministero Mauro Masnaghetti ha chiesto una condanna ad un anno e quattro mesi di reclusione. La sentenza è attesa per febbraio 2024.

 

Ultimo aggiornamento: 26 Novembre, 16:09 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmemedia.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci