Professoressa transessuale licenziata: «Farò causa alla scuola»

PER APPROFONDIRE: licenziata, scuola, transessuale
Professoressa transessuale licenziata: «Farò causa alla scuola»
«Insegnare è stata la mia più grande passione sin da quando ero piccola: questo sogno è stato spezzato qualche settimana fa, quando sono stata licenziata per discriminazione dalla scuola Kennedy di Roma», dice Giovanna Vivinetto, insegnante transessuale licenziata lo scorso 14 ottobre dall'Istituto Kennedy di Roma dopo soli 9 giorni di lezioni in un video pubblicato su Facebook da Change.org. «Ma io - annuncia - non intendo rinunciare al mio sogno: qualche giorno fa ho mandato alla scuola Kennedy una raccomandata in cui contesto le ragioni del mio licenziamento, che ritengo assolutamente improprio ed illegale. È il primo passo per fare causa alla scuola».

Giovanna Vivinetto racconta: «Dopo il licenziamento, sono rimasta sotto shock. Per qualche giorno mi sono sentita colpevole, incapace di insegnare, come se il problema fossi io. Ancora oggi, le persone transessuali e le minoranze sessuali subiscono delle discriminazioni molto forti: lotto per tutti coloro che non hanno la forza e il coraggio per esporsi. La transessualità è ancora oggi un tabù, ma insieme possiamo dimostrare che un docente transessuale può, anzi deve essere la normalità. Mi auguro che possiate unirvi a me. Siamo tutti uguali, siamo tutti persone, non ci sono differenze».

LEGGI ANCHE...> Meloni: «No a genitore uno e genitore due», Gay Center: «Incita l'odio»

Nel suo appello, pubblicato sulla piattaforma Change.org, Giovanna chiede all'Istituto Kennedy di prendere coscienza dell'errore commesso; alla comunità Lgbt e a tutte le reti che tutelano le minoranze in difficoltà di operare una capillare sensibilizzazione sulle discriminazioni di genere; ai sindacati di fare chiarezza sul suo caso per evitare che altri lavoratori siano sottoposti alle stesse discriminazioni; al Ministero dell'Istruzione di avviare un'ispezione su tutte quelle scuole che assumono docenti con contratti poco chiari, mettendo poi in atto «dinamiche oscure e spesso illegittime per licenziarli». «Grazie di cuore per tutta la solidarietà che - sottolinea - mi avete dimostrato, in questi giorni la mia petizione su Change.org ha già superato le 13mila firme. Mi auguro che possiate unirvi a me, è necessario far firmare più persone possibili per far sì che discriminazioni di questo tipo non si ripetano più». E a Change.org dice: «E stato il sostegno che ho ricevuto da parte degli utenti di Change.org a convincermi a proseguire la mia battaglia, anche a livello legale».
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Mercoledì 13 Novembre 2019, 12:27






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Professoressa transessuale licenziata: «Farò causa alla scuola»
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 51 commenti presenti
2019-11-14 13:36:57
In generale, non questo caso specifico...se ho ben capito il transessuale è una persona che non si ritrova nel sesso biologico del proprio corpo.... Detto in soldoni uno nasce uomo ma si sente donna e allora inizia un percorso, non facile, doloroso per cambiare sesso.... È strana questa accondiscenza così automatica... Negli altri casi in cui uno non si ritrova, gli interventi sono altri...per esempio chi si sente grassa mentre in realtà è anoressica...adesso ci sono casi di 50,60enni che si sentono bambini e pretendono di andare all'asilo.... Ma la domanda è "perché il problema è sempre del corpo e mai della testa, della mente?"... Mahhh
2019-11-14 11:48:02
Bisogna leggere le carte.Se vuole puo'fare ricorso.O rivolgersi a Sindacato. Raccontavano allievi della mia cerchia conoscenze che la-o- il docente , piu' che insegnare la materia ostica scientifica, illustrava le ragioni del suo mutamento, le presunte persecuzioni, chiedeva opinioni sulsuo look del giorno..poi segnava argomento come svolto, appioppava esercizi per casa e stangava sia allo scritto che nelle interrogazioni...Non era sufficiente studiare , cercava sempre casi critici e da specialisti neppure presenti sul libro di testo . Pero'aveva la soluzione per conto suo, su schede personali..chissa' da chi preparate o copiata).Posta a richiesta degli allievi difronte ad esercizi del testo...non sapeva risolverli o li sbagliava...o tirava per le lunghe lascindo nel vago.Allora questa fu la vera causa del licenziamento.
2019-11-14 16:52:57
@ Anche questo vive nel '' condominio'' ?? Emmbehh,piu' che un condominio,sembra la '' Torre di babele'' .
2019-11-14 09:36:59
Tutto bene , tutto giusto , ma la prof non ci dice le motivazioni del licenziamento , dubito fortemente che nella lettera ci fosse scritto : licenziata in quanto transessuale ... per la cronaca ci dica cosa hanno scritto cosi' potremmo farci un'idea del livello di ipocrisia dei dirigenti di quella scuola
2019-11-14 09:33:43
Vada in Olanda o in Spagna o in Francia o in paesi simili dove sono pagani. La Bibbia, pur non fomentando affatto né il pregiudizio né i crimini d’odio né qualunque altro tipo di maltrattamento nei confronti degli omosessuali (Romani 12:18), parla chiaro e condanna gli atti omosessuali. 1 Corinzi 6:9-10: 9 O non sapete che gli ingiusti non erediteranno il regno di Dio? Non illudetevi: né immorali, né idolàtri, né adùlteri, 10 né effeminati, né sodomiti, né ladri, né avari, né ubriaconi, né maldicenti, né rapaci erediteranno il regno di Dio.