Da ora legale a ora solare nell'autunno più caldo: cosa fare per evitare disturbi

Cambio d'orario nella notte di sabato: l’alta temperatura e la modifica d'orario squilibrano l’organismo

Martedì 25 Ottobre 2022 di Valentina Arcovio
Da ora legale a ora solare nell'autunno più caldo: cosa fare per evitare disturbi
2

Ora legale e ora solare: se c’è una cosa che l’organismo umano mal sopporta sono i cambiamenti repentini, anche se lievi. Per funzionare bene, infatti, ha bisogno di ritmi regolari. Ma in questi e nei prossimi giorni, di regolarità ce ne sarà ben poca. In primis, a causa del caldo anomalo che ha investito gran parte del nostro Paese e che, in alcune aree d’Italia, porterà a temperature ben al di sopra dei 30° C, proprio come se fossimo ancora in piena estate. Si avvicina, inoltre, la fatidica notte in cui dovremo salutare l’ora legale e prepararci ad accogliere l’ora solare: tra il 29 e il 30 ottobre. Il prossimo week end. Le lancette dell’orologio andranno spostate di un’ora indietro. 


L’ATTENZIONE
«In pratica, quello che il nostro organismo dovrà affrontare sarà un vero e proprio sconvolgimento ormonale con effetti evidenti sulla vita delle persone» spiega Annamaria Colao, presidente della Società Italiana di Endocrinologia e Ordinario di Endocrinologia all’Università Federico II di Napoli. Il caldo fuori stagione renderà più difficile abituarsi al cambiamento e, in generale, aumenterà la percezione degli effetti negativi. 
«Stanchezza, insonnia, irritabilità, mal di testa, sbalzi d’umore, difficoltà a concentrarsi e a mantenere alta l’attenzione, sono alcuni dei sintomi più comuni e diffusi tra coloro che risentiranno del cambio d’ora - aggiunge la professoressa - Un vero e proprio mini-jet lag, con conseguenze più o meno durature. Per il nostro organismo è importante mantenere una certa uniformità dei ritmi circadiani fisiologici e il rispetto di tempistiche coerenti con l’alternarsi naturale della luce e del buio».

Da ora legale a ora solare


Quindi, ogni variazione, anche di una sola ora, come avviene con il passaggio dall’ora legale all’ora solare e viceversa, può influenzare la secrezione di ormoni. «Come la melatonina, che ha importanti effetti sulla quantità e sulla qualità del sonno - precisa Annamaria Colao, o come la leptina, ormone che favorisce la riduzione del senso dell’appetito e facilita il consumo calorico». 
Lo sconvolgimento ormonale può avere effetti importanti anche sulla nostra psiche e sulla salute cardiaca. Il cambio d’ora può avere un impatto sull’umore, così come sulla pressione arteriosa e sulla frequenza cardiaca. Non a caso, ci sono numerose evidenze scientifiche che associano il cambio a un aumento del rischio infarto. Anche la pelle, il nostro bigliettino da visita, potrebbe pagare il prezzo di questo mini jet lag.


«L’aumento della concentrazione di cortisolo - spiega Nicoletta Bernardini, dermatologa e dirigente medico ospedaliero presso l’ASL di Latina - induce una produzione eccessiva di sebo che è alla base del peggioramento delle lesioni infiammatorie dell’acne. Inoltre, nei periodi in cui l’ormone dello stress è più alto la nostra pelle tende a cambiare aspetto e a mostrare quell’effetto lucido sulle aree più ricche di ghiandole sebacee come la fronte, naso e mento, provocando una perdita di luminosità ed elasticità». 


LA CENA
Il risultato è che il nostro aspetto rispecchia perfettamente il profondo disequilibrio all’interno del nostro organismo. Difficile poter prevenire qualcosa su cui non abbiamo proprio alcun controllo, come il cambio d’ora o le temperature. Tuttavia, esistono dei piccoli trucchetti. 
«Ci si può preparare qualche giorno prima che il cambio avvenga, favorendo un passaggio più dolce e graduale - suggerisce l’endocrinologa - Per riuscirci, ad esempio, bisognerebbe anticipare già da adesso e progressivamente l’ora in cui si va a dormire. In questo modo non si rischia di dover cambiare tutto d’un colpo le proprie abitudini. Inoltre, la sera prima del ritorno all’ora solare è consigliata una cena leggera, a base di carboidrati semplici non raffinati». 


LO STRESS
Vanno bene le verdure abbinate a carne bianca e poi frutta come prugne e banane. Infine, anche se fare attività fisica è generalmente positivo per la salute, la sera prima del cambio d’ora, secondo l’esperta, sarebbe consigliabile non farne a ridosso del sonno. Meglio invece una doccia o un bagno caldo che favoriscono l’addormentamento. La pelle invece può essere protetta con qualche piccolo accorgimento in più. 
«Nei periodi di stress in cui aumenta la produzione di sebo, legata alla crescita dei livelli di cortisolo, la cosa più importante che possiamo fare è prenderci cura della barriera dermo-epidermica, quella sorta di scudo che protegge la nostra pelle - suggerisce Bernardini - Questa barriera va nutrita e fortificata attraverso una maggiore idratazione, quindi bevendo molto e utilizzando detergenti delicati e creme emollienti».

Ultimo aggiornamento: 27 Ottobre, 16:37 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci