Monopattini, è una giungla: stretta contro gli incidenti, velocità massima 12 kmh e giubbotto riflettente

Sabato 27 Marzo 2021 di Giuseppe Scarpa
Monopattini, è una giungla: stretta contro gli incidenti, velocità massima 12 kmh e giubbotto riflettente

In Italia la media è questa: un ferito grave da parte chi usa i monopattini ogni tre giorni. A dirlo è l'Asaps, un'associazione che monitora gli incidenti nel Paese. Sono i numeri che spingono la politica a intervenire. Al Senato si lavora per disciplinarne l'uso soprattutto tra i minori che rappresentano, per fascia d'età, la percentuale più significativa di chi causa sinistri. Le nuove regole che vorrebbe introdurre il Pd, in un disegno di legge a firma del vice capogruppo a Palazzo Madama Gianni Pittella, riguardano chi ha tra i 14 e 18 anni. Ecco i nuovi obblighi di cui si discute: l'utilizzo del monopattino solo in aree e percorsi pedonali a non più di 6 km/h o sulle corsie ciclabili non oltre i 12 km/h. Ma oltre ai limiti di velocità viene indicato anche l'obbligo del giubbotto o delle bretelle retroriflettenti.

Roma verso il lockdown da zona rossa: ultimi assembramenti, risse e mascherine calate

Raid al centro commerciale, poi tenta fuga in monopattino


LA MODA
Leggero, economico, lo si trova in commercio a partire da 300 euro, facile da trasportare il monopattino con il motore elettrico è la vera rivoluzione della mobilità cittadina. Certo lo sarebbe se le città in cui questi velocipedi, che sono stati equiparati dal legislatore alla bicicletta, fossero attrezzate.

Bonus mobilità a oltre 663mila cittadini, erogati 31,5 milioni di euro. Ad oggi liquidate tutte le richieste pervenute


Roma ne è l'esempio in negativo. Buche, una pista ciclabile discutibile e i sanpietrini ne rendono difficile l'utilizzo. Ma non è solo la Capitale a registrare un numero elevato di incidenti con pesanti conseguenze. Metropoli più organizzate sono ugualmente esposte ai sinistri. Tant'è che il primato tra i feriti gravi spetta a Milano. Nel 2020 in tutto il Paese se ne sono contati 123 (30 hanno avuto come protagonisti gli under 18) con un morto. Nella sola Lombardia se ne sono verificati 54, con il capoluogo in testa alla classifica tra le grandi città. Il Piemonte è al secondo posto con 14 e Torino capofila. Segue il Lazio con 13 quasi tutti avvenuti a Roma, dove la situazione nei mesi post lockdown è stata particolarmente difficile. Poi l'Emilia Romagna e l'Abruzzo con 6.


La principale causa degli incidenti è dovuta alla caduta autonoma, un ribaltamento senza urto contro ostacoli fissi. Su questo aspetto, sicuramente, ha inciso sia la distrazione alla guida molti gli utenti che usano il cellulare alla guida anche per fare i selfie - che l'inesperienza del guidatore, spesso giovanissimo, ma anche la manutenzione stradale di molte arterie cittadine, con buche ed avvallamenti che non facilitano certamente l'utilizzo di un veicolo con ruote molto piccole soprattutto nei centri storici. Seguono gli scontri frontali e laterali, spesso agli incroci stradali, dove non vengono rispettate le precedenze.

Mamma in monopattino travolta e uccisa da un tir a Genova dopo aver lasciato la figlia a scuola


LE CRITICHE
«Siamo d'accordo con l'utilizzo di mezzi di micromobilità elettrica, anche come aiuto all'ambiente per limitare l'inquinamento spiega Giordano Biserni presidente di Asaps ma vediamo troppi utenti cavalcare le strade con i monopattini, come se fossero in una prateria stradale, che invece non esiste. Devono essere osservate le più elementari regole, dal corretto utilizzo delle strade, al rispetto della segnaletica verticale e orizzontale, alla guida non alterata e al fatto che il monopattino non è un giocattolo».


Anche il presidente dell'Associazione italiana familiari e vittime della strada (Aifvs), Giuseppa Cassaniti Mastrojeni è molto critica: «Siamo favorevoli alla mobilità sostenibile tuttavia, la micromobilità elettrica, con regole di dinamica particolari, non ci sembra una scelta felice. Per la mobilità in città riteniamo che basti utilizzare la bicicletta, andare a piedi, usare il mezzo pubblico, da incentivare e migliorare i servizi. Il monopattino, usato in molte città e lanciato con facilitazioni dalle aziende, conserva le prerogative di un giocattolo, che ha bisogno di un ambiente protetto».

 

Ultimo aggiornamento: 30 Marzo, 08:38 © RIPRODUZIONE RISERVATA