Maturità, "L'illusione della conoscenza" la traccia più gettonata: scelta da uno studente su 3

Maturità, "L'illusione della conoscenza" la traccia più gettonata: scelta da uno studente su 3
La traccia che parte dal brano tratto da «L'illusione della conoscenza», proposta nell'ambito della Tipologia B - Analisi e produzione di un testo argomentativo, è quella più gettonata dagli studenti per la prima prova scritta dell'Esame di Stato 2019, che si è svolta oggi in tutta Italia. È stata svolta dal 30,8% dei ragazzi. Il 20,1% degli studenti ha invece optato, sempre nell'ambito della Tipologia B, per il brano tratto dal libro «Istruzioni per l'uso del futuro. Il patrimonio culturale e la democrazia che verrà». «Tra sport e storia», la traccia che ruota attorno alla figura di Gino Bartali, è stata scelta dal 13,1% dei maturandi. Subito dopo, con l'11% delle scelte, l'analisi del testo di Leonardo Sciascia tratto da «Il giorno della civetta». Mentre Giuseppe Ungaretti, con la poesia «Risvegli» tratta da «L'Allegria, Il Porto sepolto», è stato scelto dall'8,5% dei maturandi. Stessa percentuale per la prima traccia di attualità, dedicata alla figura del Generale Carlo Alberto Dalla Chiesa. L'8% degli studenti ha svolto la traccia dedicata all'eredità del Novecento. Quella su «L'illusione della conoscenza» è stata la traccia più scelta in tutti i percorsi con il 28,8% delle preferenze nei Licei, il 34% negli Istituti tecnici, il 32,2% nei Professionali. I dati derivano da un'indagine campionaria rappresentativa a livello nazionale.

LEGGI ANCHE....> Maturità, gli studenti romani: «Soddisfatti ma temiamo l'orale»
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Mercoledì 19 Giugno 2019, 17:57






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Maturità, "L'illusione della conoscenza" la traccia più gettonata: scelta da uno studente su 3
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
1 di 1 commenti presenti
2019-06-20 05:51:53
Scelta di maggioranza comprensibile.Il luogo dove ci si illude di piu'di sapere , piuttosto che sapere veramente, e'proprio la Scuola Italiana. Esempio:saper svolgere problemini di fisica e di matematica ...senza aver prima compreso come si ricavanole formulette e procedimanti mnemonici applicati, saper scrivere ed argomentare come piu' piace al docente che poi tivaluta.Contano piu' il saper fare e il capire la psicologia del docente che il sapere critico conquistato e reso motivante..Poi si battono i denti col primo esame universitario o lavoro veri.