Torino, caccia gruppo di ragazzi down dalla sua trattoria e si giustifica. «Non sappiamo come gestirli»

PER APPROFONDIRE: caccia, down, ragazzi, ristorante, torino
Ragazzi down cacciati dalla trattoria a Torino. I gestori: «Non sappiamo come gestirli»
«Questa sera è accaduta una cosa che in tanti anni non mi era mai successa e che ci ha provocato un’amarezza incredibile», scrive Anna Rita, una giovane mamma di Torino. «L’amarezza purtroppo non è stata solo mia, ma anche dei ragazzi che vedete in foto è dei loro famigliari. Sono ragazzi della squadra di nuoto di mio figlio Gabriele, ragazzi veramente in gamba. Oggi ci hanno fatto una sorpresa e sono venuti a trovare Gabriele a Torino. Abbiamo prenotato per 11 persone per le 20,15 nella in una Trattoria, un locale nella via vicina al residence dei nostri amici, segnalando il nostro unico problema, la celiachia di uno dei ragazzi». E fin qui niente di strano.

«Quando siamo arrivati però è accaduto il fattaccio. C’erano solo 2 clienti al momento del nostro arrivo ed il nostro tavolo era pronto. I ragazzi, affamatissimi, si sono accomodati uno vicino all’altro e stavano già preparando le posate, ma il titolare o chi per lui, un tizio con la barba, si è avvicinato a me a ad un’altra mamma e ci ha detto, in maniera molto scortese, che dovevamo avvertire della presenza di 4 disabili perché il locale era piccolo, il sabato sera era pieno e loro non sapevano come gestire». Parole che hanno congelato il cuore delle mamme. Il motivo? I quattro ragazzi down. Una follia. «Ma gestire cosa? I nostri ragazzi sono adulti ed educatissimi, mangiamo tutti rigorosamente con coltelli e forchetta e avrebbero potuto organizzare loro, senza problemi le loro attività, visto che, come dichiarato, loro non erano in grado. Abbiamo ribadito che l’unica cosa da segnalare l’avevamo segnalata, ma ci hanno ripetuto per altre due volte almeno la stessa cosa. I ragazzi, che ovviamente hanno capito tutto, sono rimasti malissimo e noi tutti peggio di loro. A quel punto, li abbiamo fatti alzare e ce ne siamo andati con una rabbia e un grosso dolore condiviso».

Anche una famigliola che era entrata dopo di noi ha lasciato il locale. «Il sabato a quell’ora i locali sono tutti pieni, ma uno dei titolari di Casa Broglia si è messo al telefono e ci ha trovato un ristorante poco vicino, Le Rondini. Persone fantastiche, sia i primi che i secondi gestori. Come fantastici sono stati i gestori della Fassoneria in cui è stata scattata la foto del post dopo il pranzo, che hanno coccolato i nostri ragazzi e gli hanno fatto moltissimi complimenti. Per i primi non ho molto altro da aggiungere...». I ragazzi hanno mangiato, chiacchierato, passato ore insieme così come fanno tutti i giovani quando passano del tempo insieme, ma sono ancora molto amareggiati e scossi.

Ma qualcosa il giorno dopo ha scosso gli animi dei titolari dove è accaduto il fatto. «Ringrazio tutti per la grande solidarietà - continua Anna Rita - questa mattina mi ha chiamato il titolare del locale. Abbiamo parlato per 40 minuti, si è scusato prima con i ragazzi, poi con noi. Giornate nere possono capitare a tutti. Lui non ha saputo spiegarsi forse. Comunque le sue scuse ci sono sembrate sincere. Le ho lette ai ragazzi e loro sono molto soddisfatti delle sue parole. Anche gli altri genitori accettano le sue scuse. Oggi andiamo a parlargli di persona. Non é una persona cattiva, ha solo fatto un errore. Perdonare gli errori rientra molto nelle nostre corde quindi lo facciamo è siamo sicuri che cose del genere non gli capiteranno più».

E poche ore fa le scuse sono arrivate anche sulla pagina facebook della Trattoria: «Buongiorno, un nuovo giorno di riflessione. Sono Giuseppe il signore con la barba, ieri sera è capitato un grosso malinteso qui nel nostro ristorante. Per primo vorrei chiedere scusa a quattro ragazzi di cui purtroppo non so il nome ma ai quali con grande rammarico ho fatto passare una brutta serata, alle persone che erano con loro e ai loro genitori. Cerco di spiegare cosa è accaduto: durante la serata nelle varie prenotazioni dei tavoli ho accolto una prenotazione da undici persone tra l’altro carinamente mandate dal residence di fronte a noi, un unico accorgimento che ci e stato posto era per una persona celiaca. All’arrivo del gruppo purtroppo ho posto male una domanda («riusciamo a gestire questa situazione?») poiché tra queste persone c’erano i quattro ragazzi che chiamerei persone speciali». E ancora: «Ci tengo a dire che la mia domanda male impostata e poco felice per loro non era un non voler accogliere questo gruppo di persone, ma di poter capire se ci fossero delle esigenze particolari per poterli accogliere al meglio. Il nostro ristorante e’ molto piccolo e riuscire a far stare bene e comodi tutti i clienti e’ il nostro scopo finale. Con grande rammarico spero che le mie scuse possano essere accettate, come è giusto il problema l’ho creato io e mi prendo la responsabilità, il mio compagno e chi collabora con noi non ha nessuna responsabilità in merito. Mi farebbe piacere in qualche modo poter rimediare soprattutto col cuore, avendo io per primo affrontato tante sgradevoli situazioni in molti anni della mia vita...». 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Domenica 2 Dicembre 2018, 15:03






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Torino, caccia gruppo di ragazzi down dalla sua trattoria e si giustifica. «Non sappiamo come gestirli»
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 15 commenti presenti
2018-12-03 10:21:14
Si deve solo che vergognare!!! E molto!!!
2018-12-03 10:09:27
Adesso per un paio di mesi ne parleranno TV, giornali, forum, social....e queste mamme tanto amorevoli avranno il loro momento di celebrità. Non bastavano le scuse e non sarebbe opportuno ascoltare anche la voce dei gestori?
2018-12-03 05:26:20
In tv gira molto il filone "Cucine da incubo" o"Spie al ristorante"..ma a volte le realta' vera supera la realta'fiction costruita. Si Vede che il titolare della "frequentatissima" non ha mai visto servizi in diretta su ragazzi D che lavorano in trattorie e bar .
2018-12-02 23:57:52
Se sono arrivate le scuse, si dovevaa scriverlo nel titolo. Capisco che le scuse non facciano notizia. Però la vicenda si è conclusa con le scuse, pertanto alla fine tutto è stato sistemato positivamente.
2018-12-03 16:02:40
Sono d'accordo. Il 99 volte su cento i titoli sono fuorvianti. Purtroppo i giornali e i media in generale vanno sempre in cerca della rissa, della polemica e purtroppo molta gente gli va dietro a questi andazzi.