Covid in Sardegna, contagi in un campeggio: 150 tamponi sui dipendent

Martedì 25 Agosto 2020

Tamponi a 150 dipendenti di un camping in Sardegna dopo quattro casi di contagio da Covid accertati fra gli ospiti. Succede nel camping Isuledda di Cannigione, dove una ragazza romana contagiata è già rientrata nella capitale e tre giovani sono in isolamento in un appartamento di Arzachena messo a disposizione dai gestori della struttura. 

Mihajlovic positivo, critiche per le serate senza mascherina: la risposta della moglie sui social
Coronavirus, anche Aida Yespica e Antonella Mosetti positive dopo la Sardegna: le condizioni di salute

Scattano oggi i controlli disposti dalle autorità sanitarie: in accordo con la Prefettura di Sassari, Ats e Unità di crisi, saranno effettuati i tamponi rinofaringei solo ai circa 150 dipendenti del camping. I risultati si dovrebbero avere già in giornata e in base ai dati verrà deciso se estendere i tamponi anche ai circa 1.800 ospiti in vacanza nella struttura. Ieri fino a tarda notte era ventilata l'ipotesi di eseguire i test su tutti gli ospiti e il personale del camping, poi, per motivi di ordine pubblico e per le difficoltà oggettive di intervenire simultaneamente su circa duemila persone, è stato deciso di procedere per step: i primi controlli saranno effettuati sui dipendenti e se la percentuale di contagi dovesse essere significativa si procederà con i controlli anche sugli ospiti.

 

Ultimo aggiornamento: 26 Agosto, 11:54 © RIPRODUZIONE RISERVATA