Cervino, trenta alpinisti bloccati da una frana a quota 3.800 metri: portati in salvo con gli elicotteri

Venerdì 21 Agosto 2020
Cervino, trenta alpinisti bloccati da una frana a quota 3.800 metri: in azione gli elicotteri

Trenta alpinisti bloccati sul Cervino a quota 3.800 sono stati portati a valle con gli elicotteri. Ad essere evacuati uomini e donne impegnate fino a quel momento nell'ascensione del versante italiano: a causa di una frana che è caduta sotto al colle del Leone (che si trova a 3.581 metri) non avrebbero più potuto scendere in sicurezza.
Due elicotteri con personale del soccorso alpino valdostano e del 118 hanno fatto lo spola dal rifugio capanna Carrel (3.830 metri). 

«Lo smottamento è stato visto dalla guida alpina che era a capanna Carrel» e, dopo la segnalazione agli organi di protezione civile, è «scattata l'evacuazione per motivi di precauzione, nessuno è rimasto coinvolto dal crollo». Lo spiega, contattato dall'Ansa, il presidente della società delle guide del Cervino, Laurent Nicoletta. Gli alpinisti evacuati sono stati trasportati incolumi a Breuil-Cervinia. In quota è arrivato anche un geologo dell'amministrazione regionale per valutare l'entità della frana. Il crollo è avvenuto a metà pomeriggio dalla Testa in Leone, in direzione del colle sottostante. Al momento la salita al Cervino lungo la via normale italiana è sconsigliata.

Ultimo aggiornamento: 22 Agosto, 01:35 © RIPRODUZIONE RISERVATA