«Sei nero», bimbo di 7 anni insultato a scuola, lo sfogo della mamma: «Per la maestra è solo uno scherzo»

PER APPROFONDIRE: bambino, nero, scuola
«Sei nero», bimbo di 7 anni insultato a scuola, lo sfogo della mamma: «Per la maestra è solo uno scherzo»
Preso in giro per il colore della sua pelle, a scuola, da una compagna, e «la maestra non interviene perché risponde che i bambini scherzano». È lo sfogo sui social del padre di un bambino di 7 anni, di colore, di una scuola elementare di Borgaro, nel Torinese. «Mio figlio - scrive il genitore su Facebook - viene insultato e sbeffeggiato da una sua compagna di classe che lo chiama nero e gli ricorda che la sua famiglia è nera». «Abbiamo informato la maestra, - il padre - ma nulla è stato preso in considerazione. Ci viene detto che i bambini scherzano, ma mio figlio piange».

Studente insultato perchè va vestito da donna a scuola: tre sospensioni

Insulti razzisti all'allievo marocchino, prof prosciolto

Il genitore chiede che la scuola educhi al rispetto e alla convivenza. Sulla vicenda è intervenuto il sindaco di Borgaro, Claudio Gambino: «Dopo aver approfondito i fatti, chiedo di attendere che la scuola, attraverso la dirigente scolastica con un confronto tra le parti, faccia piena chiarezza sulla vicenda - scrive in un comunicato - Inoltre invito chiunque avesse problematiche di tali gravità da denunciare di farlo attraverso i canali ufficiali, prima fra tutti la dirigente scolastica, e non attraverso i social che possono diventare una gogna mediatica spietata e incontrollabile». A quanto si apprende, l'insegnante del bimbo ha informato la preside e convocato le famiglie interessate per un confronto.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Martedì 12 Novembre 2019, 17:49






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
«Sei nero», bimbo di 7 anni insultato a scuola, lo sfogo della mamma: «Per la maestra è solo uno scherzo»
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 6 commenti presenti
2019-11-13 15:58:40
Ed è proprio dagli scherzi che noi oggi giustifichiamo che poi nascono le cose serie. La storia non insegna proprio niente?
2019-11-14 09:19:20
insomma se negli anni SESSANTA/70 c'erano quelle reclame di "Calimero"(ava come lava, non sei nero sei solo sporco) magari c'abbiamo l' "Imprinting"? [quella volta non c'erano anti"razzisti" ne' mancanza di MiraLanza]
2019-11-13 11:44:28
pensare noi, quando eravamo bambini, col "Carosello" del "Pulcino (nero) Calimero" [Ava come lava]
2019-11-13 13:56:24
"è un ingiustizia pero'!!!" "Gigante pensaci tu"
2019-11-12 19:36:34
Tempi moderni. I bambini a scuola si sono sempre "insultati" tra loro, sottolineando difetti fisici (ciccione/a, quattr'occhi, nano, pertica o piu' crudelmente sciancato, zoppetto) fattori comportamentali (secchione, somaro) "origine" (campagnolo, borgataro, terrone, montanaro). Adesso succede come negli stadi: all'arbitro e agli avversari (purche' rigorosamente maschi bianchi ed etero) si puo' dire di tutto, compresi gli apprezzamenti sulle madri. Ma se sei "specie protetta" diventa insulto razziale. Se domenica a Balotelli faranno dei cori di "brum-brum" sottolinendo il sequestro della patente chiederanno l'intervento dell'ONU ?