Covid, Ricciardi: «Lockdown mirati subito per Milano e Napoli o non avremo un Natale normale»

Lunedì 19 Ottobre 2020

«Io non parlerei di Lombardia, ma per esempio di Milano. Non parlerei di Campania, ma parlerei di Napoli e di alcune aree metropolitane, comincerei a preoccuparmi per Roma. Sicuramente il Piemonte è un'altra area. Io farei degli interventi mirati rafforzando le decisioni» nazionali «ma purtroppo in questa fase chiudendo alcune attività in maniera chirurgica». A sottolinearlo è Walter Ricciardi, consigliere del ministro della Salute per l'emergenza Covid-19 e ordinario di Igiene generale e applicata alla Facoltà di Medicina e chirurgia dell'Università Cattolica di Roma, durante il suo intervento ad 'Agorà' su Rai3.

«In generale - spiega - le misure prese vanno bene per tutto il Paese. Ma ci sono delle aree dove la curva esponenziale» dei contagi «è talmente forte che per evitare che tra due settimane vengano prese d'urgenza» altre misure «è assolutamente necessario farlo ora. Più che di regioni parlerei di aree specifiche del Paese, e credo che questa fase debba essere caratterizzata da interventi mirati, proporzionati quasi chirurgici». 

Covid Lombardia, 3 mila casi in un giorno: «Situazione già critica». Il Veneto: «Qui è peggio di marzo»

 

«La situazione - prosegue Ricciardi - è preoccupante perché di fatto l'epidemia soprattutto in alcune aree del Paese ha cominciato a crescere in modo esponenziale e questo, come abbiamo imparato dai mesi precedenti, significa che dopo un certo punto il raddoppio dei casi si ha ogni due o tre giorni. Tu ti puoi trovare a inizio settimana con mille casi e alla fine delle due successive con 3-4-5 mila casi». L'esperto puntualizza: «Condivido le misure del Governo per il territorio nazionale, nel senso che il Governo ha messo una sorta di mattonella più alta rispetto al passato e questo va bene nel Paese, perché ci sono aree che ancora non hanno una crescita esponenziale. Ma non è sufficiente in aree specifiche del Paese, per cui c'è necessità di integrare queste misure. Perché, quando tu hai una città che ha già migliaia di casi, significa che sei alla vigilia di una pressione enorme sui tuoi sistemi sanitari e questo lo devi evitare. Nel momento in cui questi casi diventano clinici e vanno in ospedale possono provocare quelle stesse situazioni che abbiamo visto a marzo e che vogliamo scongiurare».

Natale

«Il Natale dipende da quello che decidiamo in questo momento. È in questo momento che si prepara il Natale. Io ritengo che certi lockdown mirati vadano fatti subito, non bisogna aspettare Natale. Un'epidemia si combatte con i comportamenti delle persone e con il tracciamento, ma quando vai oltre 10-11mila casi non riesci più a tracciarli» i contagi «e allora devi contenere». «In certe aree - sottolinea l'esperto  durante il suo intervento ad 'Agorà' su Rai3 - la situazione è tale che tu devi fare un lockdown. Mirato, ma deve essere fatto. Se noi prendiamo tempestivamente, adeguatamente, proporzionatamente le misure giuste, avremo un Natale quasi normale. Se invece temporeggeremo e non le prenderemo, vedremo nelle prossime due settimane un aumento esponenziale dei casi soprattuto in alcune aree del Paese. E poi dovremo prendere delle decisioni durissime molto più tardi e servirà molto più tempo. Oggi bastano magari due settimane, ma quando si va più avanti, due settimane non bastano più».  

Video

 

Ultimo aggiornamento: 10:40 © RIPRODUZIONE RISERVATA