Luxuria: «Salvini chiamava i napoletani colerosi, oggi nessuno insulta il nord per il coronavirus»

Giovedì 16 Aprile 2020

"Colerosi", così venivano chiamati i napoletani perché l'epidemia del colera si era scatenata al sud. Lo ricorda su twitter Vladimir Luxuria, che aggiunge: per fortuna nessuno usa il coronavirus per insultare veneti e lumbard.

«Molti, tra cui Salvini, insultavano i napoletani di essere colerosi perché l'epidemia di colera ebbe il Sud come focolaio...nessuno oggi, per fortuna, ha usato il coronavirus per insultare le popolazioni del nord: forse è segno che possiamo essere ottimisti sul futuro». Lo scrive su Twitter Vladimir Luxuria.
 

L'epidemia di colera di Italia scoppiò in Italia nel 1973, nelle aree costiere delle regioni Campania, Puglia e Sardegna tra il 20 agosto e il 12 ottobre. L'improvvisa epidemia, forse causata dal consumo di cozze crude o altri frutti di mare contaminati dal vibrione causò un grande allarme: all'ospedale Cotugno di Napoli vennero ricoverate 911 persone in dieci giorni.

Lo storico Federico racconta l'altra epidemia, quando la "Spagnola" fece 300 vittime solo a Frosinone

Coronavirus, Napoli richiama il medico del colera: «Io, pensionato, torno in trincea»
 

Ultimo aggiornamento: 15:19 © RIPRODUZIONE RISERVATA