Coronavirus: fidanzati, congiunti, sport, e seconde case. Cosa è vietato (e cosa no) nella fase 2

Lunedì 27 Aprile 2020
Coronavirus: fidanzati, sport, parenti, seconde case e bambini: cosa resta vietato e cosa no nella fase 2

Non è un “tana liberi tutti” il nuovo Dpcm anti coronavirus in vigore dal 4 al 17 maggio, anzi, bisogna fare attenzione al testo del complesso documento per non “prendersi delle libertà” che potrebbero costare contagi e multe. Senza mai dimenticare che dobbiamo continuare tutti, compresi i malati guariti, a considerarci potenziali trasmettitori del Covid-19, e che lo spirito sintetizzato in questi provvedimenti governativi si affida soprattutto alla responsabilità personale legata a questo periodo senza precedenti. Con la certezza il rispetto delle distanze interpersonali resta la misura migliore per ostacolare la diffusione del virus.

IL TESTO INTEGRALE DEL DECRETO

Coronavirus, il virologo Crisanti: «Riaprire tutta Italia? Follia, meglio scegliere tre Regioni per vedere se esplodono nuovi focolai»

Intanto allora il calendario delle riaperture: il 4 maggio toccherà ad attività manifatturiere, cantieri e, con molti distinguo, a visite a parenti, parchi, attività sportiva e motoria a livello individuale così come gli allenamenti; il 18 maggio sarà la volta di negozi, musei, mostre, biblioteche e il 1° giugno di bar, ristoranti, parrucchieri ed estetisti.

1) Posso andare a trovare i parenti?
Sì, nell’ambito della propria regione. Questa parte del nuovo Dpcm, l’ha detto anche Conte, è stata pensata soprattutto per le famiglie che in questo periodo hanno sofferto per separazioni forzate. Ma va ricordato che “sono consentiti solo gli spostamenti motivati da comprovate esigenze lavorative o situazioni di necessità ovvero per motivi di salute e si considerano necessari gli spostamenti per incontrare congiunti (ovvero, secondo l'articolo 307 del codice penale vanno intesi come "ascendenti, discendenti, coniuge, la parte di un’unione civile tra persone dello stesso sesso, fratelli, sorelle, gli affini nello stesso grado, gli zii e i nipoti", ndr) purché venga rispettato il divieto di assembramento e il distanziamento e vengano utilizzate le mascherine”. Ovvero, anche se ci si muove all’interno dello stesso comune o della stessa regione sono vietati incontri conviviali, celebrazioni di ricorrenze, rimpatriate. E assembramento, secondo interpretazioni del Diritto, è un gruppo costituito da due persone. 
Importante rispettare anche in queste circostanze familiari le precauzioni: mascherina, e distanza di sicurezza.

2) E se i parenti sono fuori regione?
Almeno fino al 18 maggio non è possibile, ma resta la possibilità di rientrare al proprio domicilio o residenza o abitazione anche se ci trova in un’altra regione.

3) E la fidanzata che non vedo da febbraio?
No, niente visita se non risulta fra parenti, congiunti, ufficialmente conviventi, legata da vincoli legali.

4) Si può fare sport all’aria aperta?
Sì a livello individuale e anche lontano da casa (senza uscire dalla regione) e purché non ci si avvicini agli altri (senza stare a cavillare sul metro o sui due metri) e non si usino mezzi pubblici. Insomma un podista può correre da Roma fino a Sabaudia e ritorno. Ma ne vale la pena? Perché non rassegnarci, in nome del bene collettivo, a un'attività motoria ridotta in attesa del passaggio dell'emergenza. Inoltre può capitare di essere fermati da altre ordinanze tipo quelle comunali di Roma e Fiumicino che bloccano comunque e per qualsiasi attività l’accesso a pineta, spiaggia e mare. E la tintarella non è compresa fra le attività sportive.

Restano per ore chiuse palestre, piscine e impianti sportivi. Sono accessibili quelli per gli allenamenti individuali di “atleti, professionisti e non professionisti – riconosciuti di interesse nazionale dal Comitato olimpico nazionale italiano (Coni), dal Comitato Italiano Paralimpico (Cip) e dalle rispettive federazioni, in vista della loro partecipazione ai giochi olimpici o a manifestazioni nazionali ed internazionali”. Per gli sport di squadra se ne parla dal 18 maggio.

5) Riapriranno i parchi cittadini e le pinete?
Sì, a discrezione dei sindaci, ma si potranno frequentare sempre tenendosi a distanza dagli altri. E i comuni potranno comunque contingentare gli ingressi.

6)  Per i bambini che cosa cambia? E per i disabili? 
Un minore può essere accompagnato fuori da un familiare maggiorenne. Lo stesso vale per i disabili.

7) L’autocertificazione?
Resta obbligatoria e ne arriverà un’altra versione con la nuova casistica e in attesa di quella digitale.

8) Funerali e messe?
Sì ai primi, ma al massimo con 15 persone, no alle Messe, il che ha suscitato il risentimento della Cei.

Coronavirus, Cei si scontra con il governo per il no alle messe nella fase 2, Conte: «Studieremo il caso»

9) Le mascherine sono obbligatorie?
La mascherina non sarà obbligatoria per uscire di casa e per fare una semplice passeggiata all'aria aperta o in un parco. Ma sarà obbligatorio indossarle quando si entrerà in qualunque luogo pubblico, sia questo un bus, la metro, un negozio, un ufficio, un ristorante (quando riapriranno). Per venire incontro alle necessità della popolazione verrà tolta l'Iva e il commissario straordinario Domenico Arcuri ha fissato un prezzo massimo di 50 centesimi per le mascherine chirurgiche e ha deciso di rifornire gratuitamente le Rsa anche private. Resta il tema dei bambini. Non è ancora chiaro se l'obbligo della mascherina per entrare nei luoghi pubblici varrà anche per loro.

10) Posso raggiungere la seconda casa?
Oltre alla residenza e al domicilio il dpcm indica anche "abitazione" il che lascia spazio ad interpretazioni che potrebbero sottendere le seconde case e non solo in ambito regionale. Inoltre la Liguria, ad esempio, consente già da oggi di fare manutenzione nelle seconde case (e sulle barche). Il governo dovrà chiarire in questi giorni.

11) Che cosa si rischia violando i divieti?
L’inosservanza di un provvedimento dell’autorità comporta l’arresto fino a tre mesi o l’ammenda fino a 206 euro (articolo 650 codice penale). Ed è ancora peggio se si imbroglia sull’autocertificazione: si tratta del reato ex art. 495 c.p. che prevede da uno a sei anni di reclusione.
 

 

Ultimo aggiornamento: 16:45 © RIPRODUZIONE RISERVATA