Coppia scomparsa Bolzano, ucciso prima il marito? Madè Neumair: «Temo per la mia incolumità»

Mercoledì 10 Febbraio 2021
Coppia scomparsa, ucciso prima il marito? Vane le ricerche del corpo di Peter nell'Adige

L'Adige, a oltre cinque settimane dalla scomparsa, non ha ancora restituito il corpo di Peter Neumair. I sommozzatori dei vigili del fuoco di Bolzano in mattinata sono riscesi nel fiume nel punto sospetto, dove ieri l'ecoscandaglio aveva rilevato una sorta di «ombra», una sagoma compatibile con quella di un essere umano. La visibilità sott'acqua è però estremamente limitata e i sommozzatori hanno dovuto tastare il fondale centimetro per centimetro, senza trovare traccia dello scomparso. Per i parenti prosegue perciò la lunga attesa che si fa sempre più pesante.

Sospese le ricerche di Peter Neumair nell'Adige

Coppia scomparsa a Bolzano, il figlio potrebbe aver ucciso prima il padre

Madè: «Ho paura»

Madè Neumair teme per la sua incolumità nel caso in cui il fratello Benno dovesse essere scarcerato. La figlia dei coniugi di Bolzano Peter Neumair e Laura Perselli ha sottolineato le proprie paure nella memoria della difesa della persona offesa depositata sabato mattina per esporre al Tribunale del Riesame le circostanze di fatto per le quali si ritiene sussistere il pericolo specifico di reiterazione del reato ai danni proprio della sorella dell'unico indagato per l'omicidio e l'occultamento dei cadaveri. A confermarlo all'Adnkronos è l'avvocato della famiglia Neumair Carlo Bertacchi.

 

Coppia scomparsa, si cerca ancora nell'Adige: Benno, il figlio indagato per omicidio, resta in libertà

Attese decisioni Riesame

Sono, almeno per il momento, svanite le speranze di trovare Peter e poterlo ricordare con un lumino sulla riva del fiume, come i familiari avevano fatto l'altro giorno per sua moglie Laura Perselli. È invece attesa per domani la decisione del tribunale del riesame in merito alla richiesta di scarcerazione avanzata dai legali di Benno Neumair, il figlio della coppia che si trova in custodia cautelare nel carcere di Bolzano con l'accusa di omicidio e occultamento di cadavere. Gli inquirenti continuano a mantenere massimo riserbo sull' inchiesta, così anche sul fatto che il cellulare di Peter sarebbe stato spento alle 17.30 e quello di Laura solo alle 21.30. Questo farebbe ipotizzare che il 4 gennaio i due omicidi possano essere stati compiuti in due momenti diversi.

 

 

 

 

 

Coppia scomparsa a Bolzano, gli audio vocali in cui mamma Laura si lamentava del figlio Benno

Peter Neumair, si cerca la salma

Proprio per fare piena luce sulle circostanze di morte sarebbe di grande importanza trovare anche la salma di Peter Neumair. Una riunione di coordinamento si terrà domani mattina con le forze di polizia, per discutere e concordare ulteriori azioni che si riterranno utili ai fini della ricerca. Le operazioni sono state condotte da parte delle unità di soccorso in acqua dei sommozzatori dei vigili del fuoco volontari, dei vigili del fuoco permanenti del Comando di Bolzano in collaborazione con i vigili del fuoco volontari della Bassa Atesina. Sul posto era presente anche un automezzo per il movimento terra, della ripartizione opere idrauliche dei bacini montani e numeroso personale dell'arma dei carabinieri. La pioggia di questi giorni rende l'acqua del fiume ancora più torbida. La diga di Mori, a una novantina di chilometri a sud del ponte di Ischia Frizzi, sul quale sono state trovate tracce di sangue compatibile con quello di Peter, viene costantemente monitorata. La speranza è di trovare Peter presto, comunque prima che si sciolga la neve in quota e faccia ingrossare il fiume.

Morta la mamma di Laura Perselli. Non ha mai saputo della sparizione della figlia

Ultimo aggiornamento: 19:36 © RIPRODUZIONE RISERVATA