Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Cognome figli, ecco come funzionerà. Il legale: «Non si arriverà mai a 4 cognomi»

Dopo che dal 2017 la Cassazione ha riconosciuto la possibilità di apporre il cognome della donna sono sorti diversi contrasti sul punto nelle coppie sposate

Mercoledì 27 Aprile 2022 di Barbara Carbone
Cognome figli, ecco come funzionerà. Il legale: «Non si arriverà mai a 4 cognomi»

La Consulta ha deciso: stop all’automatismo sul cognome paterno ai figli. D’ora in avanti sarà necessario attribuire anche il cognome materno. Una sentenza storica grazie alla quale le donne italiane, dopo decenni di attese, hanno conquistato un diritto finora negato dall’articolo 262 del codice civile, quello appunto di poter dare ai figli il proprio cognome.

Avvocato Marco Meliti - matrimonialista e presidente dell’Associazione Italiana di Diritto e Psicologia della Famiglia ( DPF) - cosa ha stabilito esattamente la Corte costituzionale?

«La Consulta ha di fatto dichiarato illegittime tutte le norme che attribuiscono automaticamente il cognome del padre ai figli. La sentenza della Corte costituzionale definisce come discriminatoria e lesiva dell'identità del figlio la regola che attribuisce automaticamente il cognome del padre. Adesso la regola diventa che il figlio assume il cognome di entrambi i genitori nell'ordine dai medesimi concordato, salvo che essi decidano, di comune accordo, di attribuire soltanto il cognome di uno dei due».


E se l’accordo manca?


«In questo caso resta salvo l'intervento del giudice in conformità con quanto dispone l'ordinamento giuridico. Secondo la Corte, nel solco del principio di eguaglianza e nell'interesse del figlio, entrambi i genitori devono poter condividere la scelta sul suo cognome che costituisce elemento fondamentale dell'identità personale. Tale disposizione riguarderà tutti, sia i figli nati nel matrimonio che quelli nati fuori dal matrimonio e i figli adottivi».


In passato l’imposizione del cognome altra paterno ai figli è stata motivo di liti tra i coniugi?


«Assolutamente sì e molto più di quanto si possa immaginare. In Italia l’apposizione del cognome paterno riflette una struttura sociale storicamente patriarcale, nella quale le donne passavano dalla tutela del padre a quella dello sposo. Per cui, nel tempo, l’esigenza di apporre anche il cognome materno è sempre più stata sentita dalle donne come processo di emancipazione da un ruolo subalterno all’interno della famiglia. Dopo che dal 2017 la Cassazione ha riconosciuto tale possibilità, sono sorti diversi contrasti sul punto nelle coppie sposate. Contrasti che, nel momento in cui la coppia si è separata, si sono poi trasformati in aspre dispute giudiziarie».


Come verrà regolata l’apposizione dei cognomi ai figli dei figli? Si trasmetteranno quattro cognomi?


«Certamente no. Adesso dovrà essere il legislatore a regolamentare tale fattispecie, confermando la prassi che vede la possibilità per chi ha il doppio cognome di trasmettere al figlio solo uno dei due cognomi, a scelta.
Ciò al fine di scongiurare che i nipoti della coppia originaria si ritrovino automaticamente con quattro cognomi da scrivere e con un’ulteriore crescita esponenziale dei cognomi nei rapporti futuri di filiazione».

Ultimo aggiornamento: 29 Aprile, 09:34 © RIPRODUZIONE RISERVATA