Walter Biot: «Ho preso il denaro, ma l'ho fatto perché ho una figlia gravemente malata. Ha bisogno di cure»

Giovedì 1 Aprile 2021 di Cristiana Mangani
L'ufficiale Walter Biot: «Ho preso il denaro, ma l'ho fatto perché ho una figlia gravemente malata. Ha bisogno di cure»
1

«E' vero, l'ho fatto, ma avevo un grosso problema con mia figlia che ha una grave malformazione ed è gravemente malata. Avevo dei debiti, e volevo fare fronte a questi debiti, ma non ho mai messo a rischio la sicurezza dello Stato. Non ho mai avuto alcun interesse politico e ideologico che mi ha spinto a queste azioni». Il capitano di fregata Walter Biot è chiuso nel carcere di Regina Coeli e al suo avvocato Roberto De Vita confessa di aver preso il denaro in cambio di documenti, ma non di documenti importanti, dichiara.

Ufficiale arrestato per spionaggio non risponde al Gip: «Sono frastornato». Resta in carcere

Il militare ha scelto di non rispondere alle domande del giudice e si riserva di farsi interrogare. «Risponderò a tutto - ha aggiunto - ma ora sono troppo frastornato. Mi farò interrogare appena sarò in grado di chiarire».

Il gip di Roma, Antonella Minunni, ha in giornata sciolto la riserva al termine dell'udienza di convalida emettendo una ordinanza di custodia cautelare in carcere.

Ultimo aggiornamento: 2 Aprile, 09:57 © RIPRODUZIONE RISERVATA