Battisti, scoppia il caso: «Niente ergastolo, così prevede l'accordo col Brasile»

PER APPROFONDIRE: brasile, cesare battisti
Battisti, scoppia il caso: «Niente ergastolo, così prevede l'accordo col Brasile»
La notizia dell'arresto di Cesare Battisti è uscita da poche ore e già scoppia il caso: «L'Italia si è impegnata per garantire che non sarà applicato l'ergastolo all'ex terrorista», spiega l'ex direttore degli Affari di Giustizia del ministero, Raffaele Piccirillo, che seguì direttamente il caso quando ministro era Andrea Orlando.

LEGGI ANCHE Cesare Battisti fermato in Bolivia, ecco cosa succede ora: l'iter di estradizione

Il no all'ergastolo sarebbe previsto dall'accordo, della cosiddetta 'condizione accettata', concluso il 5 e 6 ottobre del 2017. Per cui a Battisti, una volta estradato, sarà applicata la pena massima di 30 anni». Questo perché in Brasile non c'è l'ergastolo, è vietato dalla Costituzione.
 

«L'autorità che doveva concedere l'estradizione, ossia il Brasile, ha apposto la condizione legata all'ergastolo e il ministro della Giustizia l'ha accettata», afferma Piccirillo, spiegando che questo è legato all'asimmetria tra il sistema giudiziario brasiliano, che «non prevede l'ergastolo e anzi lo considera incostituzionale e quello italiano, dove invece l'ergastolo è formalmente ancora previsto», anche se di fatto non trova più concreta applicazione. Senza questa intesa, il via libera all'estradizione, il cui iter era già stato espletato, si sarebbe arenato.

«Trent'anni - aggiunge Piccirillo - sono il tetto sanzionatorio accettato dal Brasile e su cui c'è l'impegno». Un tetto che potrebbe essere rivisto al ribasso? «Sul piano tecnico - spiega il magistrato - si potrà valutare se Battisti può usufruire dei benefici penitenziari, come la liberazione anticipata prevista dall'articolo 4 bis dell'ordinamento penitenziario. Quest'articolo, però, è entrato in vigore dopo la condanna di Battisti, che in ogni caso potrà beneficiarne dopo aver scontato metà della pena, quindi ritengo non ci sia nulla di immediato, si parla di almeno 15 anni di tempo».

«Dal momento che Cesare Battisti non si trova in Brasile, i suoi avvocati brasiliani non hanno autorità per agire in una giurisdizione diversa da quella del Brasile. Ci auguriamo comunque che i diritti fondamentali del nostro cliente siano tutelati», spiega Igor Tamasauskas, uno dei legali dell'ex terrorista arrestato ieri in Bolivia.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Domenica 13 Gennaio 2019, 11:56






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Battisti, scoppia il caso: «Niente ergastolo, così prevede l'accordo col Brasile»
CONDIVIDI LA NOTIZIA
VIDEO
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
3 di 3 commenti presenti
2019-01-14 15:29:00
Concordo con i commenti precedenti. L'estradizione è stata concessa dalla Bolivia e non dal Brasile e infatti il volo di consegna non è passato per il Brasile se no tutto andava a "cartoni animati" perchè sarebbe stato il Brasile a consegnarcelo! Un bel escamotage per non ridurgli la pena a trent'anni soltanto!
2019-01-14 12:49:41
l'accordo col Brasile? ben se si faceva arrestare li' ma siccome e' fuggito ed e'stato arrestato in Bolivia come suol dirsi e'caduto "Dalla Padella Alla Brace"
2019-01-14 09:16:00
Infatti,niente ergastolo,altrimenti il Brasile non ce lo consegnava.In vece con la Bolivia il problema non esiste,cosi avrà quello che si merita,sperando che non intervenga il potentissimo Soccorso Rosso .