Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Alika ucciso a Civitanova, l'assassino aveva un tutor. Il legale: «Perché non era vigilato?». La famiglia della vittima: «Giustizia»

Il nigeriano ucciso a Civitanova Marche da Filippo Ferlazzo, spuntano risvolti psichiatrici

Domenica 31 Luglio 2022
Alika ucciso a Civitanova, l'assassino aveva un tutor. Il legale: «Perché non è stato vigilato». La famiglia della vittima: «Giustizia»

La morte di Alika a Civitanova Marche , ultime notizie. «Se c'è un risvolto psichiatrico che si inserisce nelle cause dell'omicidio di Alika, serve riflettere: se Ferlazzo aveva un amministratore di sostegno, pare fosse la madre, perché questi non era vigilato? Bisognerà avviare una serie di verifiche». Così l'avvocato Francesco Mantella, legale della famiglia di Alika Ogorchukwu , il nigeriano ucciso a Civitanova Marche da Filippo Ferlazzo. «Abbiamo piena fiducia nell'operato della Procura di Macerata», aggiunge il legale.

Alika ucciso a Civitanova. L'aggressore lo ha massacrato a mani nude, 4 minuti di orrore. La vedova: «Voglio giustizia»

Omicidio Civitanova Marche, Alika «inseguito e finito a mani nude». Smentita l'ipotesi avanza. La polizia: «Futili motivi, non odio apparato»

«Le scuse di Ferlazzo non bastano, ora serve solo giustizia e non vendetta. È difficile riuscire a comprendere quello che è successo». È questo il commento della famiglia di Alika Ogorchukwu - l'ambulante nigeriano ucciso a Civitanova Marche - affidato all'avvocato Francesco Mantella.

 

Ultimo aggiornamento: 1 Agosto, 08:05 © RIPRODUZIONE RISERVATA