Alessandra Taddeo e Roberta Iuliano morte a 28 anni in un incidente stradale a Cervinara

Erano amiche da sempre, come con Marilina e Giovanna. Tutte e quattro, tutte la stessa età, erano a bordo di una Fiat 500 che si è schiantata a Cervinara, contro un muro di cinta

Domenica 11 Settembre 2022
Alessandra (appena laureata) e Roberta muoiono a 28 anni in un incidente stradale nell'Avellinese

Alessandra Taddeo si era laureata pochi giorni fa in medicina, con il massimo dei voti. Roberta Iuliano stava, invece, per laurearsi in legge. Sono morte la notte scorsa, a 28 anni. Erano amiche da sempre, come con Marilina e Giovanna. Tutte e quattro, tutte la stessa età, erano a bordo di una Fiat 500 che si è schiantata a Cervinara, contro un muro di cinta. Erano quasi arrivate a casa, nell'Avellinese, ma per Alessandra e Roberta l'impatto ha interrotto, per sempre, le loro vite. Nel Grossetano, invece, a perdere la vita sono stati un marito ed una moglie: viaggiavano su un'auto che si è scontrata frontalmente con un'altra vettura con a bordo tre persone e anche per loro non c'è stato nulla da fare.

Investe donna davanti casa, poi fa retromarcia e la schiaccia altre due volte: morta brutalmente a 28 anni

Amiche d'infanzia

Alessandra, Roberta, Marilina e Giovanna avevano trascorso il sabato sera tra Airola e Montesarchio, nella confinante provincia di Benevento. Alla guida della Fiat 500 c'era Marilina, rimasta ferita insieme a Giovanna; sono state estratte dai Vigili del Fuoco e ricoverate in ospedale ad Avellino e Benevento, non corrono pericolo di vita. Per Alessandra Taddeo e Roberta Iuliano, invece, la vita si è fermata poco prima delle quattro di stamattina. La tragedia ha sconvolto la comunità della Valle Caudina. Le quattro ragazze, tutte della stessa età, erano appunto amiche d'infanzia e le loro famiglie note e stimate. Sui social, nella sua foto profilo, Alessandra sorride: indossa la corona d'alloro dei laureati. Poi ci sono le foto della festa, solo di pochissimi giorni fa. Sul profilo di Roberta tante foto con le amiche, anche con chi ha condiviso con lei gli ultimi sorrisi della sua vita.

Lo sgomento del sindaco

Il sindaco di Cervinara, Caterina Lengua, parla dello «sgomento di un'intera comunità che si ritrova smarrita ed incredula». Ha proclamato il lutto cittadino e le bandiere a mezz'asta sul Palazzo Comunale. Non si conosce ancora la dinamica dell'incidente, al vaglio di carabinieri e polizia. Sta di fatto che la 500 su cui erano a bordo ha sbandato ed è finita violentemente contro un muretto che delimita un'abitazione alle porte di Cervinara.

L'incidente nel Grossetano

Nel Grossetano il marito e la moglie, erano di Torino, avevano 57 e 50 anni; lui è morto sul colpo, lei durante il trasporto in ospedale in codice rosso. Quasi la stessa ora dell'incidente di Cervinara, poco prima delle 5 del mattino. I due stavano percorrendo la strada provinciale Collacchie, in località Pian d'Alma, nel comune di Castiglione della Pescaia. Si sono scontrati frontalmente contro un'altra vettura con a bordo tre persone, un 36enne e due 26enni, un italiano e due stranieri. Nell'ambito delle indagini che stanno svolgendo i carabinieri sono stati chiesti per i conducenti dell'auto accertamenti per verificare se avessero assunto alcol e stupefacenti. Ma intanto si contano altri due morti. L'incidente, precisano i militari, è avvenuto alle 4:50. Il 57enne è morto sul luogo dell'incidente, la moglie durante il trasporto in elisoccorso all'ospedale di Siena.

Lo scontro a Modena

Ed ancora, solo qualche ora fa un altro incidente, questa volta a Modena. In due su un monopattino sono stati travolti da un'auto pirata ed ora una 18enne è ricoverata in gravi condizioni. La ragazza era insieme all'amico di 16 anni, quando entrambi sono stati travolti dall'auto che si è allontanata senza prestare soccorso e che due ore dopo è stata rintracciata. Alcuni testimoni hanno raccontato che in via Pancaldi poco prima dell'incidente pare che sul monopattino 'viaggiasserò in tre. Uno sarebbe sceso quando ancora l'auto non stava sopraggiungendo. Poi, l'impatto. La Polizia Municipale di Modena è riuscita a risalire all'automobilista due ore dopo l'investimento. La vettura, una Fiat Multipla poi posta sotto sequestro, riportava evidenti segni dell'impatto. L'uomo è stato denunciato. Una conta, quella dei morti sulle strade, che anche in queste ore non si arresta, dalla Lombardia alla Calabria.

Ultimo aggiornamento: 17:45 © RIPRODUZIONE RISERVATA