Esagitato molesta le addette Avis e i clienti del bar: la polizia deve colpirlo col taser per immobilizzarlo

Mercoledì 3 Giugno 2020
5

PADOVA - Prima molesta le operatrici sanitarie dell'Avis in via Orus, rincorrendole nella loro struttura, poi va in un bar di via Belzoni dove disturba pesantemente gli avventori, tanto da farli scappare in strada. Mattinata all'insegna delle scorribande moleste per un cittadino tunisino, fuori di sè, che poi messo alle strette dalla polizia ha dovuto anche gettare il coltello che celava addosso. Alla fine gli agenti hanno dovuto colpirlo col taser per poterlo immobilizzare.

Verso le 9.35 del mattino una volante è intervenuta in un bar di via Belzoni 137, dove era presente un uomo agitato, pregiudicato, che molestava le persone presenti tanto farle uscire dal locale. L’uomo aveva già creato disturbo poco prima in via Orus al centro Avis molestando le dipendenti, rincorrendole all’interno della struttura, ma all’arrivo delle pattuglie si era già allontanato dirigendosi appunto nel bar. All’arrivo degli agenti l’uomo, che era sotto il porticato, si è agitato ulteriormente, addossandosi con la schiena al muro e nascondendo le braccia dietro il corpo, tanto da costringere l’operatore taser ad esibire la pistola ad impulsi elettrici.

A quel punto il tunisino ha sfilato un coltello occultato nella cinghia dei pantaloni lanciandolo in terra, mantenendo però un comportamento bellicoso nei confronti degli agenti. Al fine di contenere l’uomo e tutelare l’incolumità dei presenti, il taserman ha dovuto procedere ad esplodere un dardo che ha colpito alla gamba il tunisino, permettendo agli operatori di immobilizzarlo e porlo in sicurezza all’interno del veicolo di servizio. In Questura poi l'uomo è stato denunciato per porto abusivo di armi e perché inottemperante all’ordine del Questore emesso nei suoi confronti lo scorso 11 maggio, dopo averlo rintracciato in zona Arcella durante i pattuglioni dei servizi straordinari svolti in queste settimane, ed è stato posto a disposizione dell’ufficio immigrazione.

© RIPRODUZIONE RISERVATA