Ragazzo positivo gli sputa addosso, tassista 61enne muore dopo un mese

Venerdì 22 Maggio 2020 di Federica Macagnone
Ragazzo positivo gli sputa addosso, tassista 61enne muore dopo un mese

«Ho il coronavirus e adesso ce l’hai anche tu». Quelle parole continuano a rimbombare nella testa dei familiari di Trevor Belle, il tassista 61enne aggredito e morto per Covid-19 oltre un mese fa. La loro esistenza è stata sconvolta lo scorso 22 marzo, quando Trevor ha caricato in una strada di Londra un ragazzo di 19 anni dall’accento irlandese.
Quando è sceso dal taxi non solo il giovane si è rifiutato di pagare le nove sterline della corsa, ma ha aggredito Trevor sputandogli in faccia. Prima di darsi a gambe levate ha pronunciato quella che per il tassista sarebbe suonata una tragica sentenza di morte: «Ho il coronavirus e adesso ce l’hai anche tu». Un gesto folle che Trevor ha immediatamente denunciato alla polizia e ha raccontato, una volta tornato a casa, a Kelly Esqulant, sua compagna da 28 anni e madre dei suoi tre figli.

Virus, bollettino Lombardia: in lieve calo nuovi casi (293) e morti (57). A Milano più 35 contagi
 


Pregliasco: «Mi minacciano di morte per quello che dico sulla movida»
 
Solo quattro giorni dopo Trevor ha iniziato a manifestare i primi sintomi di coronavirus. In pochi giorni le sue condizioni sono peggiorate: faceva fatica a respirare quando è stato portato al Royal London Hospital. Il giorno in cui è stato ricoverato è stato l’ultimo in Kelly lo ha visto. Il giorno successivo gli è stato indotto il coma, ma prima Trevor ha chiesto di donare il sangue per farlo analizzare e per  trovare una cura. «Conosco il mio Trevor, era sempre disposto ad aiutare e quindi per lui era normale quella richiesta» ha detto Kelly. Trevor è morto il 18 aprile, pochi giorni dopo il suo 61° compleanno.

Fase 2, De Luca: «Si è capovolto ruolo Regioni, al Sud più rigorosi che al Nord»
 
Non più di 20 persone sono state autorizzate a partecipare al suo funerale. «Non riesco ancora a capire come qualcuno possa fare una cosa del genere a un’altra persona» ha continuato Kelly, che non riesce ad accettare la perdita del marito. La vicenda è simile a quella di Belly Mujinga, la bigliettaia 47enne morta dopo essere stata aggredita alla stazione Victoria da un uomo che le aveva sputato: anche in quel caso l’aggressore era positivo e lei è deceduta pochi giorni dopo per aver contratto il virus.

Ultimo aggiornamento: 23 Maggio, 10:54 © RIPRODUZIONE RISERVATA