Coronavirus: due contagiati in Veneto, uno muore. Sotto test 4.200 persone nel Padovano

Venerdì 21 Febbraio 2020
Coronavirus, in Veneto il primo morto italiano: Adriano Trevisan, 77 anni. Il suo paese, Vo' Euganeo, è isolato
18

Coronavirus in Veneto, ultime notizie sul Gazzettino.it. Primi due casi accertati di contagio da Coronavirus a Padova e primo morto italiano: Adriano Trevisan, 77 anni, di Vo' Euganeo, sui Colli, a pochi chilometri da Padova, e padre di tre figli, tra cui Vanessa, ex sindaco di Vo'. È spirato alle 23 di oggi, venerdì 21 febbraio, all'ospedale di Schiavonia, non c'è stato nemmeno il tempo di trasferirlo al reparto malattie infettive dell'ospedale di Padova, dove invece si trova adesso l'altro contagiato, un uomo di 68 anni anche lui residente a Vo'. Entrambi erano ricoverati all'ospedale di Schiavonia, prima che si scoprisse che si trattava di casi di Coronavirus.  Il primo paziente, Adriano Trevisan, è stato ricoverato per diversi giorni, e non essendo un paziente a rischio in quanto non risultavano viaggi in Cina o contatti con persone provenienti da viaggi in Cina, la sua era stata trattata come una normale patologia.
Era infatti stato ricoverato per una polmonite e per lui sono state seguite le indicazione prescritte dall'Oms. Lo ha spiegato la dirigente del Dipartimento di prevenzione della sanità pubblica della Regione Veneto, Francesca Russo. All'uomo, ha chiarito, è stato eseguito il test dopo 14 giorni perché «si è presentato con un quadro di polmonite; non presentava il criterio principale per la diagnosi che è quello epidemiologico, che prevede cioè o un viaggio nelle aree a rischio o contatti con soggetti provenienti da aree a rischio». «Quando poi il paziente non migliorava con le normali terapie messe in atto per la polmonite da influenza - ha spiegato - si è fatto il test». Quando però è arrivato in ospedale il secondo malato, dello stesso paese di Vo' Euganeo, e frequentatore dello stesso bar, dove entrambi giocavano spesso a carte con altri avventori, i medici si sono insospettiti, hanno fatto effettuare il test a Padova ed entrambi i pazienti sono risultati positivi, anche se i tamponi sono stati inviati all'Istituto Spallanzani di Roma per una conferma. E' in corso la mappatura di tutti gli spostamenti e i contatti avuti dai due contagiati. 

PRIMA VITTIMA Chi era Adriano Trevisan, stroncato dal coronavirus
Coronavirus, anziano morto a Padova: mistero su dove si siano infettati Adriano e l'amico

Schiavonia, l'ospedale sarà svuotato. Tamponi a tutti i dipendenti
Sono stati disposti tamponi su tutti i dipendenti del primo ospedale che ha ospitato per alcuni giorni i due contagiati. «A Schiavonia «andiamo gradualmente a svuotare l'ospedale, in maniera tale da sanificare il tutto». Lo ha annunciato il presidente del Veneto. 
 

 

Vo' Euganeo chiuso per virus: l'ordinanza del governatore.
 Sospensione di tutte le manifestazioni pubbliche a Vò Euganeo, comprese quelle di natura religiosa, delle attività commerciali ad esclusione dei servizi essenziali, e delle attività lavorative per i lavoratori residenti anche al di fuori dell'area, delle attività ludiche (anche le feste di Carnevale) e sportive, delle scuole di ogni ordine e grado, anche per gli studenti che devono frequentare le scuole al di fuori del Comune; interdizione delle fermate dei mezzi pubblici e screening per tutta la popolazione. Sono le principali misure contenute nell'ordinanza per l'emergenza Coronavirus nel comune padovano, firmata dal governatore Luca Zaia e dal ministro della Salute Roberto Speranza.

IL PAESE DESERTO Cordone sanitario: scuole, negozi e locali chiusi, vietate le Messe, divieto di fermata ai bus

IL REPORTAGE DELL'INVIATA DEL GAZZETTINO.IT Il paese chiuso nella notte, il terrore del contagio, gli ordini dell'Ulss e i dubbi del sindaco farmacista

Screening di massa: tampone per 4.200 persone
Questione di ore: dopo i due casi accertati di Coronavirus a Vo' Euganeo, nelle prossime ore la Regione Veneto sottoporrà al test del tampone ben 4.200 persone: tutti i 3.300 abitanti del Comune padovano, più i 300 familiari e conoscenti dei due contagiati, e tutti i 600 operatori sanitari dell'ospedale di Schiavonia. Uno dei contagiati è infatti rimasto in ospedale alcuni giorni, quando ancora non si sospettava che la sua malattia fosse il Coronavirus "cinese". Lo ha riferito Francesca Russo, direttrice del Dipartimento di Prevenzione della Regione Veneto: «Se gli operatori sanitari dovessero risultare negativi al tampone andranno a casa in isolamento fiduciario. Coloro che non vogliono andare a casa potranno essere sorvegliati in ospedale. L'ospedale è chiuso, e tutte le attività programmate sono state sospese. Le persone ricoverate torneranno a casa dopo aver fatto il tampone, che verrà fatto per tutti i reparti dell'ospedale; per i reparti che sono stati interessati, pronto soccorso, medicina interna, geriatria e rianimazione, il tampone verrà ripetuto».

MASSIMA ALLERTA Zaia muove la Protezione civile, in allestimento un campo base con tende riscaldate

Unità di crisi in via degli Scrovegni a Padova - Luca Zaia
Avuta conferma del contagio il governatore della Regione Veneto, Luca Zaia, è andato a Padova, qui è prevista a breve una teleconferenza, da via degli Scrovegni, con il capo nazionale della Protezione Civile Angelo Borrelli.
Entrando negli uffici dell'Uls a Padova, Zaia ha precisato: «Non sono il classico caso sospetto, non erano persone che erano andate in Cina, probabilmente hanno avuto contatti in loco».  Zaia ha anche fatto sapere che «si sta valutando l'eventualità di creare una struttura dedicata ai contagiati perchè non sappiamo qual è l'entità del contagio».

Covid19. Pazienti contagiati in Veneto

I due anziani contagiati dal virus e ricoverati a Padova sono residenti entrambi a Vo' Euganeo, paese nella zona dei Colli. La notizia non è ancora confermata, ma sembra che le due persone contagiate frequentassero lo stesso bar e fossero soliti giocare a carte con avventori abituali. Tuttora in corso la ricerca per individuare quale sia la persona che li ha contagiati. Intanto, nella serata del 21 febbraio, è arrivata la triste notizie che uno dei pazienti contagiati è morto. 

Come sta il secondo paziente di Vo' Euganeo?
È in condizioni stazionarie l'uomo di 67 anni di Vo' Euganeo che fino a ieri rappresentava il secondo caso di contagio da coronavirus in Veneto. L'amico con cui, per cause ancora ignote, aveva condiviso il contagio, Adriano Trevisan, 78 anni, è stato il primo deceduto in Italia. L'uomo, si apprende da fonti della Regione, si trova in cura nel reparto di malattie infettive dell'ospedale di Padova.

Numero verde da chiamare per  informazioni e primo triage telefonico
Il numero verde da chiamare per informazioniCoronavirus, domande e risposte, è il 1500 ed è stato attivato dal Ministro Roberto Speranza il 27 gennaio. Il numero utile anche per effettuare un triage telefonico prima di presentarsi in ospedale. 

 

 

Coronavirus, come proteggersi: dispenser anti contagio con disinfettanti in treni, stazioni, aeroporti e luoghi affollati

Coronavirus, come proteggersi dal contagio? Il Ministero della Salute ha elaborato un piano speciale per difendere i cittadini: dispenser con disinfettanti per le mani alle fermate della metro, nelle stazioni dei treni, negli aeroporti e negli spazi pubblici più affollati per garantire il massimo livello d'igiene e contrastare anche la possibile diffusione del virus.

IL CONTAGIO. La parola all'esperto: Giorgio Palù, professore dell' Università di Padova
«E' possibile essere negativi al test dopo avere avuto un'infezione da coronavirus SarsCoV2». Lo rileva Giorgio Palù, ordinario di Microbiologia e Virologia dell' Università di Padova... (LEGGI L'ARTICOLO)

Coronavirus, Ippolito (direttore Spallanzani): «Siamo entrati in una nuova fase: da importazione a circolazione»
 

Le ultime notizie sul virus a Nordest
Decalogo Ulss a locali pubblici e negozi
A Conegliano 5 bambini in quarantena volontaria
Triestino sulla nave bloccata in Giappone
L'imprenditrice che non vuole lasciare la Cina

 

 

Ultimo aggiornamento: 23 Febbraio, 09:20 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci