Muore in casa e se ne accorgono dopo 10 giorni, non ha parenti

Martedì 4 Giugno 2019
5
MONTEBELLO VICENTINO - Tragedia della solitudine in un condominio di via Borgolecco a Cavazzale. Il 65enne Gianfranco Barban, senza parenti diretti, ieri 3 giugno è stato trovato privo di vita nel suo appartamento, in avanzato stato di decomposizione. Una vita invisibile la sua per i vicini di appartamento: era un uomo, pensionato, riservato e sofferente di cuore, ma soltanto dopo oltre una settimana di assenza un vicino ha pensato di chiamare il 112 per fare emergere una storia di solitudine. Con la chiamata al 112 è intervenuta una pattuglia dei carabinieri della locale stazione assieme ai vigili del fuoco di Arzignano che hanno trovato Gianfranco Barban steso sul pavimento del salotto: colto da improvviso malore probabilmente è stato incapace di rialzarsi e chiamare aiuto per trovare la morte. Per i sanitari del Suem, il decesso provocato da un attacco cardiaco risalirebbe a una decina di giorni prima. I carabinieri sulla salma non hanno riscontrato segni di violenza e la morte è stata archiviata per cause naturali. 
  © RIPRODUZIONE RISERVATA