Stuprata nella casa dei profughi. Revocata l'accoglienza al nigeriano violentatore ospite della Edeco

Martedì 3 Dicembre 2019
Ragazza stuprata nella casa dei profughi, revocata l'accoglienza all'aguzzino, Peter Chiebuka
50

PADOVA - E' stata revocata l'accoglienza al nigeriano richiedente asilo accusato di aver stuprato una ragazza di 22 anni nel Padovano. La ragazza è stata segregata per 11 giorni in una casa, violentata e picchiata da Peter Chiebuka (FOTO), usata come schiava sessuale. A darne notizia il prefetto di Padova, Renato Franceschelli: «Per il momento abbiamo revocato l'accoglienza al nigeriano che è finito in carcere, ora dovremo aspettare l'esito delle indagini penali per capire se ci sono gli elementi per l'espulsione».

CHI E' L'AGUZZINO Porsche e vestiti firmati: la bella vita di Peter Chiebuka

Stuprata nella casa dei profughi. I punti ancora oscuri
«Ci sono molte cose da chiarire - spiega Franceschelli - come il ruolo degli altri due ospiti presenti nell'appartamento». Stando alle accuse Peter Chiebuka, di 26 anni, richiedente asilo ospite della cooperativa Edeco in un appartamento a Tribano, avrebbe obbligato una giovane donna di 22 anni della Repubblica Ceca a fargli da schiava sessuale per dieci giorni, violentandola e picchiandola ripetutamente.

Quella telefonata che ha salvato la 22enne
A dare l'allarme è stata proprio la 22enne che ha chiamato un amico in Francia, il quale ha avvisato le forze dell'ordine in Italia. Oggi il gip ha convalidato l'arresto dello straniero, che resterà in carcere.
 
ATTIRATA CON LA PROMESSA DI MATRIMONIO Schiava per 11 giorni nella casa dei profughi
LA LIBERAZIONE DELLA RAGAZZA Quel sospiro di sollievo all'entrata dei carabinieri


 

 

Ultimo aggiornamento: 4 Dicembre, 08:36 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci