Avvocato difende moglie maltrattata: il marito lo aggredisce in strada

Martedì 3 Dicembre 2019
Avvocato difende moglie maltrattata: il marito lo aggredisce in strada
2
FELTRE - «Quando tutta questa storia sarà finita giuro che ti faccio sparire, ti farò strisciare a terra e chiederai pietà». È una delle minacce ricevute dall’avvocato Paolo Serrangeli, con studio in via XXXI Ottobre a Feltre, da parte del marito di una donna perseguitata che lui difende. Quel coniuge sarebbe un uomo aggressivo, secondo le ripetute denunce presentate dalla moglie, che ha chiesto aiuto ai carabinieri, anche sabato sera. Lui pretendeva di rientrare in casa e è stato necessario anche l’intervento dell’ambulanza. Il giorno dopo i carabinieri, sono intervenuti anche all’altezza di Porta Imperiale, dove il legale si era trovato a tu per tu con A.F., il marito, che lo  aveva spinto a terra. Ieri l’avvocato, ancora sotto choc per l’accaduto, ha presentato querela. Ma è da tempo che chiede aiuto. «Dopo quasi un mese si sono verificati un insieme di fatti preoccupanti - dice l’avvocato Serrangeli -. Ci aspettiamo un provvedimento che tuteli la donna, e che l’uomo venga tenuto lontano anche dal mio studio, dopo le ripetute minacce che ha lanciato anche nei miei confronti. Non voglio più rischiare di trovarmelo di fronte. È molto grave che un avvocato sia costretto, nell’esercizio del suo mandato difensivo, a subire intimidazioni così rilevanti».
LA DENUNCIA
Erano le 19.20 circa quando avvocato e marito si sono trovati a tu per tu all’altezza di porta Imperiale. Secondo quanto denunciato dall’avvocato Serrangeli ai carabinieri il marito lo avrebbe urtato con il petto mentre stava portando a spasso il cane e lo avrebbe costretto a piegarsi sul cofano di una autovettura li parcheggiata. Quindi con la mano sinistra avrebbe afferrato il volto del legale, insultandolo e dicendogli di andare con lui, prendendolo per il braccio cercando di trascinarlo in un vicolo buio. L’avvocato, nel tentativo di divincolarsi, cade a terra, inizia a urlare e ad intimare all’uomo di non avvicinarsi, risalendo in via Mezzaterra. Viene inseguito e chiede aiuto ai carabinieri. Vedendo che il legale chiamava i carabinieri anche A.F. compone il 112. Arriverà la pattuglia di Trichiana che raccoglierà la ricostruzione di entrambe le parti.
L’INCUBO
Un’altra denuncia, dopo quella che l’avvocato fece quando quel marito piombò nel suo studio, proferendo minacce, a inizio novembre. Anche sabato aveva tentato di intimorire il legale con pronunciando quella frase «Giuro che ti farò strisciare a terra e chiederai pietà». Cresce quindi la preoccupazione da parte di Serrangeli, ancora più provato dopo quanto accaduto domenica sera.  Ultimo aggiornamento: 09:07 © RIPRODUZIONE RISERVATA