Odio sui social contro Liliana Segre, denuncia in arrivo per un veneto

PER APPROFONDIRE: antisemitismo, liliana segre, razzismo
Odio sui social contro Liliana Segre  denuncia in arrivo per un veneto  E Salvini incontra la senatrice
BOLOGNA - L'avvocato Cathy La Torre, ex consigliera comunale di Bologna e legale di diverse associazioni Lgbt, che nei nei mesi scorsi ha lanciato la campagna "Odiare ti costa" ha fatto sapere che presenterà un esposto alla procura di Venezia nei confronti di un hater della senatrice a vita Liliana Segre, "memoria storica" della Shoah. Sulla propria pagina Facebook La Torre ha riportato il messaggio dell'utente, postato sotto un articolo del sito Fanpage.it che parla della scorta assegnata alla senatrice, dove si legge: «Ma non potrebbe starsene a casetta!», con allegata la foto di un camino. «Con te faremo tutto quanto in nostro potere perché la Giustizia italiana non lasci correre questo orrore - scrive l'avvocato La Torre sul social network - e si dimostri implacabile, giusta, dalla parte delle vittime e dello Stato. Questa notte non ho dormito per approfondire la giurisprudenza in materia e oggi stesso partirà tutto». La Torre prosegue scrivendo «quello che hai fatto non è stato esprimere un pensiero: ma commettere un reato, gravissimo. Punito dalla Legge Reale - Mancino. Per quel reato sono previste pene gravi, soprattutto se il tuo odio razzista è veicolato in luoghi accessibili a molti».

LEGGI ANCHE Segre sotto scorta dopo le minacce razziste 

Intanto il leader della Lega, Matteo Salvini, ha incontrato Liliana Segre nella casa di quest'ultima, a Milano. L'incontro si è tenuto a quattr'occhi, nel massimo riserbo.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Venerdì 8 Novembre 2019, 20:08






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Odio sui social contro Liliana Segre, denuncia in arrivo per un veneto
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 98 commenti presenti
2019-11-09 20:05:40
Dovrebbe anche essere reato scrivere scempiaggini. Tranquillo veritas: te le porterei le arance.
2019-11-09 21:00:41
Per quanto mi riguarda sei sempre in vantaggio 100:0
2019-11-10 18:14:10
Le minacce e gli insulti devono essere sempre perseguiti.I trascorsi delle persone non possono fare la differenza di fronte alla legge.Purtroppo,l'appartenenza politica è determinante ,
2019-11-09 13:17:20
Il regime rosso incorre di nuovo!..libertà di parola sempre! Minacce?ahaha sono altre le minacce! Tutte quelle che riceve Salvini dai drogati dei centri sociali allora?
2019-11-09 13:43:21
Vuoi dire i suoi ex compagni?