Manifesti choc in Alto Adige: «Il medico non sapeva il tedesco». Il caso finisce in Procura

PER APPROFONDIRE: alto adige, cadavere, parla tedesco, procura
«Il medico non sapeva il tedesco»: manifesti choc in Alto Adige, il caso finisce in Procura
BOLZANO - Dopo il caso, rientrato, della denominazione Alto Adige tolta da un provvedimento legislativo, lasciando solo la denominazioen tedesca Sudtirol, a Bolzano scoppia un nuovo caso. Cartelloni che campeggiano alle fermate dei bus e di fronte agli ospedali. La foto di un cadavere steso sul lettino dell'obitorio. In alto, una scritta: «Il medico non sapeva il tedesco». Sono questi i manifesti choc che da alcuni giorni circolano in Alto Adige e contro i quali la Federazione Nazionale degli Ordini dei Medici Chirurghi e Odontoiatri (Fnomceo) ha inviato una segnalazione alla Procura della Repubblica. «Quel manifesto fa passare un messaggio pessimo: allarmistico per i cittadini, offensivo per i medici e, soprattutto, lesivo per il rapporto di fiducia che è alla base della relazione di cura: va ritirato, e subito», afferma il presidente della Fnomceo, Filippo Anelli, nel commentare la 'campagnà messa in atto, in tutto l' Alto Adige, dal partito secessionista Sudtiroler Freiheit.

«Questa mattina è partita dal nostro Ufficio legale una segnalazione alla Procura della Repubblica - spiega Anelli in una nota - perché valuti se siano stati violati articoli del Codice penale. Il manifesto ha infatti un contenuto fortemente disinformativo e crea un rilevante e ingiustificato allarme sociale, nonché lede gravemente l'immagine dei medici in generale e, in particolare, di quelli che operano all'interno del Servizio Sanitario Nazionale». «La politica dovrebbe imparare, su questo come su altri versanti, a lasciar fuori la salute dalle sue strumentalizzazioni - rileva -. Spero che le autorità intervengano, perchè vanno tutelati il rispetto e la dignità delle persone e delle professioni, oltre al diritto dei cittadini di affidarsi senza falsi e ingiustificati timori ai medici e al Servizio Sanitario Nazionale». «Rinnoviamo il nostro pieno sostegno ai colleghi dell'Ordine di Bolzano e alla presidente Monica Oberrauch, che si sono trovati a fronteggiare in prima linea - conclude Anelli - questo sgradevole attacco a tutta la Professione».
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Venerdì 8 Novembre 2019, 18:50






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Manifesti choc in Alto Adige: «Il medico non sapeva il tedesco». Il caso finisce in Procura
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 45 commenti presenti
2019-11-08 19:30:36
"Il paziente non si sforzava di parlare italiano".....vadano a Vienna a ricoverarsi.
2019-11-08 21:08:27
Veramente sono loro che dovrebbero conoscere (anche) l'italiano visto che siamo in Italia. Evidentemente siamo solo uno Stato da mungere, visti tutti i benefit loro concessi. E meno male che dobbiamo fare il test d'italiano agli immigrati...
2019-11-09 09:42:55
È ora di lasciar perdere questi buontemponi regionalisti mantenuti e non fare da trombetta alle loro cavolate infantili, e abolire invece tutte le inutili e scandalose Regioni. A partire proprio dalle più assurdamente dispendiose che sono appunto quelle cosiddette a "statuto speciale", del tutto ingiustificate e gravemente anticostituzionali
2019-11-08 19:56:58
Lasciateli tornare con l'Austria. C'è solo da guadagnarci.
2019-11-08 21:06:42
Ma sono loro che dovrebbero conoscere (anche) l'italiano visto che siamo in Italia. Evidentemente siamo solo uno Stato da mungere, visti tutti i benefit loro concessi che hanno