Ricatto osè: 28enne, lasciato dalla fidanzata diffuse il video sexy

Venerdì 8 Novembre 2019 di Olivia Bonetti
Ricatto osè
13
Porno-vendetta: a distanza di poco più di tre mesi dall’introduzione della legge che ha introdotto il reato di “Revenge Porn”, c’è la prima applicazione in provincia. Si tratta del delitto di diffusione illecita di immagini o video sessualmente espliciti senza il consenso delle persone rappresentate. È l’articolo 612-ter del codice penale e è punito con la reclusione da uno a sei anni e la multa da 5mila a 15mila euro. È questo che rischia un 28enne bellunese, residente in provincia, che è stato denunciato a conclusione di una attività d’indagine del personale del Nucleo investigativo dell’Arma, diretto dal maggiore Marco Stabile. 
 
LE INDAGINI
I carabinieri, in particolare con il personale dedicato alle violenze di genere, si erano attivati la settimana scorsa quando la donna, che si era ritrovata nell’incubo dopo la fine della relazione con quell’uomo, aveva chiesto aiuto in caserma. «Il ragazzo - spiegano dal comando provinciale dell’Arma -, al termine di una relazione sentimentale con una ragazza bellunese, inviava un video con chiari contenuti sessuali». Riprese effettuate con il telefonino in un gioco di coppia, nel periodo in cui i due erano felici. Immagini della donna, che l’uomo ha conservato e che nel momento di rabbia, dopo essere stato lasciato, ha diffuso ad alcuni conoscenti di lei. Dopo la denuncia è iniziata l’attività di riscontro dei carabinieri che qualche giorno fa sono andati a casa del 28enne, dove è stata effettuata una perquizione. È stato sequestrato tutto il materiale informatico in suo possesso: dal telefonino è emersa le prova inconfutabile che lo incastrava. 
IL REATO
La Procura, a quel punto, ha proceduto per il reato “revenge porn” e il 28enne è stato iscritto nel registro degli indagati per quella ipotesi. Il caso sembra perfettamente nella fattispecie del 612-ter che punisce «chiunque, dopo averli realizzati o sottratti, invia, consegna, cede, pubblica o diffonde immagini o video di organi sessuali o a contenuto sessualmente esplicito, destinati a rimanere privati». Al termine della perquisizione il 28enne è finito ulteriormente nei guai: in casa aveva anche 40 grammi di marijuana ed è stato denunciato anche per detenzione di sostanza stupefacente.
IL CODICE ROSSO
Il reato di revenge porn è stato introdotto con la legge “Codice rosso”, del 19 luglio scorso. L’attivazione del codice permette di non perdere tempo prezioso nelle presunte violenze di genere, con uno sprint per l’avvio del procedimento penale non solo per il “revenge porn” ma anche per maltrattamenti in famiglia, stalking, violenza sessuale. Il protocollo permette anche di adottare più celermente eventuali provvedimenti di protezione delle vittime. La polizia giudiziaria, acquisita la notizia di reato, riferisce subito al pm, che entro 3 giorni dall’iscrizione della notizia di reato, deve assumere informazioni dalla persona offesa. © RIPRODUZIONE RISERVATA