Il Garante: «Allarme privacy e-fatture, sproporzionato archiviarle tutte»

Mercoledì 6 Novembre 2019

ROMA - «L'archiviazione integrale di tutte le fatture emesse e ricevute» per accertamenti fiscali e verifiche anche della Gdf appare «sproporzionata». Lo scrive il Garante per la Privacy in un documento inviato alla commissione Finanze della Camera che invita a «vagliare l'effettiva necessità dell'archiviazione integrale dei dati» per 8 anni per le «varie attività di indagine, nei settori tributario ed extratributario» e a valutare se non si possano sostituire le norme con altre «meno invasive o anche solo con l'oscuramento dei dati non fiscalmente rilevanti».

Il Garante per la Privacy sottolinea ancora che «le necessarie misure volte a evitare che un patrimonio informativo così sensibile sia esposto a rischi di esfiltrazione o attacchi informatici dovrebbero, peraltro, essere individuate con atto normativo ai sensi dell'art. 6, par. 3, del Regolamento, e non già con i previsti provvedimenti della Guardia di Finanza e dell'Agenzia delle entrate» indicati nel decreto fiscale.

Ultimo aggiornamento: 18:48 © RIPRODUZIONE RISERVATA