Manuel Bortuzzo, 16 anni agli aggressori: «Nessuna sentenza mi restituirà le gambe»

PER APPROFONDIRE: manuel bortuzzo, paralizzato, roma, sentenza
Caso Bortuzzo: oggi la sentenza per chi sparò contro Manuel
Sono stati condannati a 16 anni di carcere Lorenzo Marinelli e Daniel Bazzano, accusati del tentato omicidio di Manuel Bortuzzo. Dovranno anche risarcire la vittima con 300mila euro di provvisionale da liquidare in separata sede. Entrambi hanno scelto di essere giudicati con rito abbreviato, che prevede uno sconto di pena. Per l’accusa, si tratta di un delitto premeditato e aggravato da abietti e futili motivi. 
 


«La sentenza non cambia le cose: non mi restituirà certamente le gambe. In questo momento penso esclusivamente a riprendermi, consapevole che la giustizia debba fare il suo corso». Sono le parole di Manuel Bortuzzo dopo la condanna a 16 anni di reclusione per Lorenzo Marinelli e Daniel Bazzano decisa dal Gup Daniela Caramico D'Auria.

«Non mi importa sapere se chi mi ha fatto del male sia punito con 16 o 20 anni di prigione. Nessuna sentenza mi può fare ritornare come prima. So di dovermi confrontare con una realtà diversa, che sto affrontando con positività e determinazione -prosegue Bortuzzo-. Il mio sogno è tornare a camminare; mi sto impegnando ogni giorno per realizzarlo e gli insegnamenti dello sport mi stanno aiutano in questa nuova dimensione. Il destino non si può cambiare, ma posso indirizzare la mia realtà: non posso fare quello di prima? Farò altre 100mila cose con impegno e sempre col sorriso».


La procura aveva chiesto una condanna a 20 anni, ma il gup non ha riconosciuto l’aggravante dei futili motivi. Il nuotatore, 19 anni, era stato raggiunto da un colpo di pistola la notte tra il 2 e il 3 febbraio scorso in piazza Eschilo, all'Axa. Ai due viene contestato anche il tentato omicidio della fidanzata di Bortuzzo, Martina Rossi. Il ragazzo da allora è sulla sedia a rotelle. Marinelli e Bazzano sono in carcere dal 6 febbraio.
 
 


Marinelli aveva ammesso di aver sparato, mentre Bazzano guidava il motorino a bordo del quale erano fuggiti. I due hanno sempre sostenuto di avere colpito Manuel per errore. Il ferimento di Manuel era avvenuto poco dopo una rissa in un pub di piazza Eschilo, nella quale furono coinvolti i due imputati.
 

Per la pm Elena Neri, titolare del fascicolo, i due sarebbero tornati sul posto per vendicarsi. Marinelli, che era seduto dietro in motorino, aveva sparato colpendo alla schiena Bortuzzo, che era insieme alla fidanzata a un distributore di sigarette. Il difensore di Bortuzzo, l’avvocato Massimo Ciardullo, aveva chiesto un risarcimento da 10 milioni di euro.​

«Condannati a 16 anni gli autori dell'aggressione contro #ManuelBortuzzo. Un abbraccio a Manuel e alla sua famiglia!». Così su Twitter la sindaca di Roma Virginia Raggi.

 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Mercoledì 9 Ottobre 2019, 10:51






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Manuel Bortuzzo, 16 anni agli aggressori: «Nessuna sentenza mi restituirà le gambe»
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 29 commenti presenti
2019-10-10 09:26:51
ci potrebbe fare un breve elenco dei paesi in cui è prevista la condanna a morte per il tentato omicidio?
2019-10-09 18:35:54
meraviglie del sud!
2019-10-09 18:28:29
sentenza degna della magistratura e della politica italiane
2019-10-09 18:09:08
Prima o poi si dovrà legiferare pensando più a dare giustizia ad Abele che diritti per Caino. È un augurio .
2019-10-09 17:52:35
non ho mai capito il "tentato omicidio". se uno ti spara addosso, deve prendere la stessa pena sia che ti ammazzi che non ti ammazzi. la fortuna che un proiettile non ti uccida non può essere una attenuante per il gesto compiuto da chi VOLEVA ucciderti e non TENTAVA di ucciderti