Gatto con la testa mozzata davanti alla porta del rivale, arrestato pusher

PER APPROFONDIRE: arrestato, gatto, lonigo, mozzata, pusher, testa
Gatto con la testa mozzata davanti alla porta del rivale, arrestato pusher

di Luca Pozza

LONIGO - Un macabro gesto a fini intimidatori, si è concluso con l'arresto di un pusher italiano nel Basso Vicentino. Nei giorni scorsi un 23enne di nazionalità senegalese, residente a Lonigo, davanti alla sua casa, aveva trovato il corpo di un gatto con la testa mozzata. Da lì sono partite le indagini dei carabinieri della locale stazione che, ieri mattina, si sono concluse con l'arresto per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti di Paolo Melotto, 33 anni, nato a Noventa Vicentina e residente ad Arcole (Verona).

Le indagini dei militari hanno permesso di appurare che il gesto intimidatorio sarebbe da ricondurre a dei dissidi che in precedenza si erano verificati tra i due. I carabinieri, dopo aver informato l’autorità giudiziaria, hanno ottenuto un decreto di perquisizione che è stato eseguito, proprio ieri mattina, nell'abitazione del Melotto, e ha consentito di rinvenire 20 dosi di ecstasy per un peso complessivo di 10 g e 25 g di marijuana, oltre a materiale necessario al confezionamento della droga. Melotto è stato arrestato ed al termine delle formalità di rito trattenuto nelle camere di sicurezza della tenenza carabinieri di Montecchio Maggiore in attesa dell’udienza di convalida, prevista con rito direttissimo nella giornata di oggi in tribunale a Verona.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Mercoledì 11 Settembre 2019, 13:27






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Gatto con la testa mozzata davanti alla porta del rivale, arrestato pusher
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 5 commenti presenti
2019-09-11 16:04:22
Delinquente e anche carogna.
2019-09-11 14:50:25
finalmente un'italiano! OLEEE
2019-09-11 14:31:36
Meraviglie venete DOC o no?.......Melotto.....tipico cognome di Corleone....ma avrà un trisavolo calabrese sicuro....Attendo gli esperti pensionati di genealogia forense.
2019-09-11 14:05:04
Squilibrato
2019-09-11 13:41:54
Appero'. Se era un mafioso da cinema usava un cavallo. Nel sud usano teste di maiale o di pecora. Di certo per aver ucciso la povera bestia il turpe individuo passera' MOLTI piu' guai che come spacciatore.