Addio a Brunello, il barman storico dell'American bar dei Vip

PER APPROFONDIRE: barman, ermanno brunello, mestre, morto
Ermanno Brunello

di Elisio Trevisan

MESTRE - Quando Mestre era un centro vitale e produceva merci, arte e cultura, l'American Bar di piazzetta Battisti a fianco del teatro Toniolo era il ritrovo dei Vip. E quel ritrovo l'aveva inventato Ermanno Brunello nel 1980 a 24 anni, assieme a Maurizio Niero, attuale gestore di un altro locale storico di Mestre, l'osteria Da Gino all'angolo di piazza Donatori di Sangue. Ermanno è mancato l'altra notte, a 64 anni, per una complicazione legata a una malattia, lascia la moglie Barbara e la figlia Eleonora, e un grande vuoto nella memoria cittadina; i funerali si terranno venerdì alle 11 nel Duomo di Mestre. Ermanno abitava a Salzano ma è sempre stata Mestre la sua città ed è a Mestre che, anche dopo l'esperienza dell'American Bar, che era nato come Caffè Mestre e oggi è il ristorante Dietro Le Quinte, ha continuato a fare l'imprenditore: dopo il 1996, conclusa l'esperienza in piazzetta Battisti, già da due anni gestiva la discoteca King di Tessera, divenuta poi Zoo, e nel 2005 ha ristrutturato e aperto l'agriturismo Al Convento in via Ca' Colombara a Favaro, aiutato dalla moglie, dal socio Salvatore e dalla cuoca Serena che era cuoca all'American Bar: un ex convento francescano che propone piatti tipici della cucina veneziana preparati con gli ingredienti che arrivano dalle coltivazioni dell'azienda agricola confinante e che Ermanno ha gestito fino all'ultimo.

È, però, con l'American Bar che, al pari di tanti mestrini famosi, ha lasciato un segno a Mestre, tanto che l'assessore Renato Boraso, a nome della città, ieri ha detto «perdo un caro amico, un grande imprenditore della Mestre di ieri e di oggi, un abbraccio alla moglie e alla figlia».
Negli anni Ottanta, quando lo inventò con l'entrata minuscola e lo sviluppo dello spazio tutto interno proprio come i bar che all'epoca facevano tendenza nelle metropoli degli Stati Uniti, di Vip in terraferma ce n'erano molti (attori, musicisti, imprenditori, professionisti), parte ci vivevano e parte la frequentavano, perché era una città ricca, con le fabbriche che andavano ancora a tutto vapore e pagavano stipendi a dipendenti fissi e a direttori e manager che avevano rapporti internazionali. 
GLI ANNI OTTANTA E a fianco dell'American Bar c'era il teatro Toniolo dove geni del jazz e del rock mondiale calcavano il palcoscenico tra uno spettacolo di prosa, un balletto e un concerto di classica. Era l'epoca in cui anche attori di fama passavano per Mestre, Ugo Tognazzi era cliente del locale a fianco del Toniolo.
Poi sono arrivati gli anni Novanta ed è iniziato il lento declino di quella che per anni era stata una delle capitali del Nord Italia per spettacoli e musica d'avanguardia. Hanno aperto i primi centri commerciali che hanno assediato e soffocato il centro, è esploso il turismo mordi e fuggi e povero a Venezia, e i Vip sono emigrati in altri lidi.
 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Mercoledì 11 Settembre 2019, 09:26






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Addio a Brunello, il barman storico dell'American bar dei Vip
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
4 di 4 commenti presenti
2019-09-11 13:56:30
storico.
2019-09-11 11:13:04
Non lo conoscevo..ma visti i suoi progetti non merita che il massimo rispetto. RIP
2019-09-11 13:29:31
Storico?
2019-09-11 15:11:56
Piu' sinistrorsi, piu' declino ...