Il Nord è quasi assente, ma la qualità di un governo si misura sulle scelte non dalle carte d'identità

PER APPROFONDIRE: conte bis, lettere al direttore, nord
Caro direttore,
nell'edizione di domenica 8 Settembre, rubrica lettere al direttore, un lettore riporta: «Una vera offesa al Nord Italia, nessun ministro del Nord Italia». Per la precisione e per una giusta informazione (non so se Lei direttore è d'accordo) lo scritto non riporta esattamente la situazione per quanto riguarda i ministri e la loro provenienza geografica perché per alcuni di cui sono a conoscenza (Franceschini, Guerini e De Micheli sono del Nord, basta sentire il loro accento) trattasi nello specifico di quanto segue: il Ministro Patuanelli è nato a Trieste, Franceschini storico esponente del PD è di Ferrara, il sottosegretario alla presidenza del Consiglio Fraccaro è di Montebelluna, Guerini se non erro è lombardo, la De Micheli (tra l'altro oggetto di riprovevoli insulti) è piacentina. Ho citato alcuni, potrei inserire anche il ministro Gualtieri che è di Roma quindi non del Sud ma centro Italia, oltretutto con incarichi svolti in Europa. Questi ministri sono stati designati alla guida di Ministeri importanti per esempio Economia, Infrastrutture ecc. Giusto pubblicare il pensiero dei lettori però credo che bisogna essere attenti alla realtà; magari Lei direttore come super partes non potrebbe verificare esattamente la provenienza geografica dei nuovi ministri anche se la cosa personalmente non mi interessa perché il giudizio verrà dato a mandato concluso?

Romano G.
Padova

Caro lettore,
bisogna riconoscere che la realtà non di discosta molto da quella descritta, magari con una certa enfasi, dal nostro lettore. Dal punto di vista geografico il Nord nel governo Conte bis è davvero scarsamente rappresentato. È vero, non mancano in assoluto ministri nati nel Nord Italia, ma nessuno dei responsabili dei dicasteri di prima importanza (Esteri, Interni, Economia, Giustizia, Sanità) proviene da una regione settentrionale; la più popolosa e ricca regione italiana (la Lombardia) è rappresentata da un solo ministro ( Guerini), mentre al Veneto e al Piemonte sono stati assegnati due dicasteri senza portafoglio. Per tre territori che da soli contano 20 milioni di abitanti e producono una fetta significativa della ricchezza del Paese non è oggettivamente un grande riconoscimento. Penso che nella scelta dei ministri sia Pd che M5s, i cui gruppi dirigenti sono in larga parte espressione dell'Italia centro-meridionale, alla geografia nazionale abbiano privilegiato quella interna, cioè gli equilibri correntizi. Dopodiché la qualità di un governo, anche rispetto agli interessi e alle priorità dei singoli territori, si misura sulle scelte, non sulle carte d'identità dei ministri. Il governo Monti era guidato da un esponente di punta della classe dirigente lombardo-milanese, ma non credo che al Nord lo rimpiangano in molti.

    
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Martedì 10 Settembre 2019, 13:21






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Il Nord è quasi assente, ma la qualità di un governo si misura sulle scelte non dalle carte d'identità
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 17 commenti presenti
2019-09-11 12:33:23
... gli assenti hanno sempre torto.. questo è un governo di mezze calzette solo e perchè le nonnette ( quelle che fanno le calze ) non hanno voluto metterci la faccia.. tanto si vergognano e lavorano nell'ombra.. il veneto non è rappresentato pecrhè leghista e questo governo ( si fa per dire ) esiste solo come servo europeo in funzione anti salvini ( loro dicono anti sovranista per apparire soloni illuminati progressisti incensati dall'incensante per antonomasia universale...
2019-09-11 07:10:28
Discorso politicamente corretto quello del direttore. Però quella della territorialità dei monistri non è forse una scelta? Comunque, senza aspettare le loro scelte, è possibile giudicarli dalle loro idee, dalle proposte, dalla coerenza e onestà. Mi sembra che degli uni e degli altri abbiamo sufficienti elementi di giudizio.
2019-09-11 06:51:38
Ha ragione direttore ma non mi dica che questo è un caso.
2019-09-11 06:11:29
C'e'sempore solita abitudine di dire..viene dal B chissa' cosa fara' per i B-si, viene da V..chissa' cosa fara' per i V-esi.Solita confusione tra ministri dello Stato e Amministratori locali...che funzionano abbastanza ma ormai sono da troppo tempo li'.Almeno ci fosse un ricambio ed un ascensore ( anche come leader di partito) per chi ha dato buona prova..indipendentemente dal partito di appartenenza.
2019-09-11 01:34:26
Non e' normale che la locomotive sia condotta dai passeggeri dell'ultimo vagone.