“Una speranza per Lino”, l’appello del papà per salvare il piccolo di sei mesi: «Abbiamo finito tutti i risparmi»

PER APPROFONDIRE: lino, raccolta fondi
​“Una speranza per Lino” l’appello del papà per salvare il piccolo di sei mesi: «Abbiamo finito tutti i risparmi»

di Ida Di Grazia

Lino è nato sei mesi fa con una grave lesione cerebrale per delle complicanze post parto, è del New Jersey ma ha origini italiane, Il papà Stefano è di Mola di Bari. Per sostenere le spese ospedaliere e gli esami del piccolo, i genitori hanno dato fondo a tutti i risparmi, oltre 400 mila dollari, ma non bastano perché Lino ha bisogno di tantissime cure, per questo hanno deciso di lanciare una raccolta fondi su Gofundme «Hope for Lino»-




Durante il travaglio a causa di una grave infezione da streptococco, il cuore di Lino si è fermato per quasi 10 minuti, la mancanza di ossigeno al cervello ha così causato una miriade di lesioni. Le abilità motorie che sono state colpite includono la bocca e la lingua che gli rendono difficile ingerire il cibo - attualmente ha un sondino per l'alimentazione nasogastrica e necessita di una pompa per l'alimentazione, ma entro la fine dell'anno riceverà un sondino per gastronomia nello stomaco – non riesce ma muovere le dita, i polsi, le braccia e le gambe e il suo tronco e il collo rendono difficile tenere la testa o il corpo in posizione verticale.
I genitori di Lino trascorrono le giornate a gestire e ridurre al minimo gli effetti delle sue attuali diagnosi e, naturalmente, una moltitudine di condizioni mediche significa anche una moltitudine di appuntamenti e soggiorni ospedalieri, farmaci, attrezzature mediche, terapie e ricerca di articoli quotidiani specializzati. Lino vede un neurologo, un neurochirurgo, un neuro-oftalmologo, un gastroenterologo, un fisiatra, un pneumologo e un chirurgo plastico, presso l'ospedale pediatrico di Filadelfia.



Tutto ciò equivale a una spesa economica esorbitante.  «Abbiamo finito tutti i risparmi – dicono i genitori del piccolo Lino – abbiamo speso oltre 401 mila dollari e qualsiasi altra risorsa a cui potessimo pensare. Certo, ci sono alcuni programmi medici statali per i quali Lino è candidato, ma la maggior parte, se non tutta, dell'assistenza finanziaria statale o federale dipende dal reddito dei genitori e, sebbene non facciamo molto, facciamo troppo perché non siamo al di sotto la soglia di povertà e quindi non possiamo accedervi. Le spese sono tante, troppe, per questo ci rivolgiamo a tutti voi per l'aiuto di cui abbiamo veramente bisogno. Tutto ciò che vogliamo è dare a Lino le migliori possibilità di vita». Le donazioni sono aperte e il passaparola sta dando i suoi frutti, ma si può fare di più.


 
 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Venerdì 23 Agosto 2019, 13:33






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
“Una speranza per Lino”, l’appello del papà per salvare il piccolo di sei mesi: «Abbiamo finito tutti i risparmi»
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 5 commenti presenti
2019-08-23 15:38:39
Forse i soldi conviene che li raccolga per tornare in Italia, almeno qui per ora la sanità è garantita.
2019-08-23 19:42:55
Garantita quanto e a chi??
2019-08-25 20:40:22
Brutte storie
2019-08-28 11:33:39
intendevo dire brutte storie quelle della grave lesione cerebrale
2019-08-23 21:28:53
No nulla...gastrostomia.