Bufera sul post funebre di un polesano: pioggia di critiche e una querela

PER APPROFONDIRE: hater, le iene, nadia toffa, polesine
Bufera sul post funebre di un polesano: critiche e querela
ROVIGO - Da un polesano il vergognoso  scimmiottamento dello spot di una nota azienda di onoranze funebri: il post completamente fuori luogo colpisce Nadia Toffa, la "Iena" stroncata  dal cancro. 

In poche ore, sul post dell'utente  polesano - peraltro condiviso da un altro profilo - si sono scatenate reazioni  da tutta Italia, sino a quando il suo profilo non è scomparso dai social.

Danneggiata anche  l'impresa di pompe funebri, il cui nome veniva citato nel post, che ha annunciato querele  sulla propria pagina Facebook.

 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Martedì 13 Agosto 2019, 18:34






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Bufera sul post funebre di un polesano: pioggia di critiche e una querela
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 11 commenti presenti
2019-08-14 13:05:23
Ti spiego una cosa: la legge fa una distinzione fra ingiuria e diffamazione di persone in vita: ingiuria se offendi in presenza dell'interessato, diffamazione se in sua assenza. Lo stesso principio è applicato per la legge quando una persona passa a miglior vita e tu dirai "non l ha offesa". Certo, deridere la morte e la malattia di una persona non è offesa che le arrechi, più che altro offendi te stesso. Ma attenzione perchè al dileggio c'è un limite posto dalla dignità dell'offeso che in questo caso va protetta e garantita dai famigliari. Ti chiedo: quando un imbecille si palesa in battute come quella o quando un commentatore ritiene giusto ciò che fa quell'imbecille e si indigna della compartecipazione che altri sentono, di fatto, secondo te, cosa cercano di dimostrare? Ieri hai scritto "il cancro vince" ma io penso che a vincere sia altro. La pochezza umana, il bisogno puerile di sentirsi una voce fuori dal coro anche quando non serve, il credersi pragmatici o lucidi, gente col pelo sullo stomaco magari. In realtà caro Lele a chi se ne va non importa di chi è compartecipe ma nemmeno del tuo cinismo perché tu sei nessuno. I suoi parenti non leggeranno certo i commenti sul gazzettino e a loro non interesserà se a me dispiace e tu invece segni una x a pro del cancro. Ma una cosa risulterà invece in tutto il suo splendore: tu te la fai sotto. Esorcizi la morte in modo grottesco. Accettala e calmati, a noi continuerà a dispiacere e anche sinceramente con o senza il giullare di corte che vuol distrarre.
2019-08-15 15:03:34
Grazie Foxy. Intervento educativo.
2019-08-15 21:58:48
Grazie a te Agata.
2019-08-13 19:46:22
Solo che padano veneto poteva essere, polesano.....voi veneti vi distinguete sempre.......vergognatevi . Segna Enrico, ciao.
2019-08-14 18:31:34
Sig Elise invece di attaccare i padani veneti si limiti a dire R.I.P. NADIA