Tre motivi per i quali Salvini non molla i 5 stelle Ma è difficile pensare che l'alleanza regga a lungo

PER APPROFONDIRE: m5s, salvini
Egregio Direttore,
viene spontaneo chiederci cosa ci stanno a fare Salvini e la Lega in seno al Governo, tolto il decreto sicurezza, anche questo talvolta osteggiato da una parte della maggioranza, il resto viene sempre procrastinato dai se, dai ma e in particolare dai no, vedi Flat Tax, TAV per arrivare al culmine l'Autonomia forte di un referendum popolare. E si che queste cose erano comprese nel programma di Governo del Centrodestra e inserite nel contratto stipulato con 5Stelle. Pare che una volta ottenuto il fantomatico reddito di cittadinanza tutto si areni, salvo la proposta di taglio del numero dei parlamentari e dei vitali; misure di civiltà, ma i problemi veri sono ben altri. Il cittadino che non riesce a tirare la fine del mese si aspetta sviluppo e rilancio dell'economia, che sono lavoro e investimenti. Il Cittadino vuole vivere e crescere i propri figli con dignità col frutto del proprio impegno lavorativo, non con l'assistenzialismo. Ma se perseverano i no allo sviluppo delle imprese e i no alle infrastrutture non si va da nessuna parte. L'autonomia deve essere di sprone seguendo l'esempio delle Regioni virtuose, dove ci sono dei Governatori e Amministratori capaci. È consapevole che chi è più forte in Parlamento detta legge e comanda, ma a ciò è possibile rimediare prima che sia troppo tardi e la genti si stanchi. Visti i risultati alle Elezioni Europee e Amministrative, senza contare i sondaggi, Salvini potrebbe ben governare in coalizione dettando la scaletta dei lavori e delle priorità. Sarebbe anche una dimostrazione di forza nei confronti di degli attacchi che gli vengono mossi da più parti, ivi compresi quelli di parte della maggioranza di governo. L'Italia deve avere peso in campo internazionale e non essere bersaglio da forze esterne e interne dove si appalesa il mancato amor di patria anche da parte di organi delle istituzioni.


Celeste Balcon
Belluno


Caro lettore,
sono in molti, soprattutto tra coloro che hanno votato Lega, a porsi le sue domande, anche perché, nonostante ciò che dicono per ora i sondaggi, la sensazione è che questa situazione di continua tensione e di governo ostaggio di veti contrapposti, alla lunga, potrebbe logorare Salvini e indebolirlo anche sul piano del consenso. Una risposta certa non esiste. Si possono però fare alcune ipotesi. Ne suggerisco tre. La prima. Salvini non ha la certezza che se questo governo cade si vada rapidamente alle elezioni. Teme che si crei dentro il Parlamento, con l'avvallo di qualche potere forte, una maggioranza con l'obiettivo esplicito, anche se non dichiarato, di mettere ai margini la Lega. Da questo punto di vista una vicenda insidiosa ma dai contorni poco chiari come quella dei presunti fondi neri dalla Russia, ha reso ancora più cauto e sospettoso il leader leghista. La seconda. Salvini non ha chiaro quale sia la maggioranza alternativa a quella attuale. Considera la sola alleanza con Fdi troppo debole, ma non ha alcuna intenzione di allearsi con una Forza Italia ancora fortemente egemonizzata da Berlusconi. Quindi prende tempo nell'attesa che si definiscano nuovi equilibri a centrodestra. La terza. Il capo della Lega ha paura di essere punito dall'elettorato se fa cadere il governo e continua nonostante tutto a considerare produttiva l'alleanza con M5s, se non sul piano dei risultati di governo almeno su quello del consenso. Probabilmente nessuna di queste tre ipotesi è quella giusta. O forse lo sono in parte tutte e tre. Certamente, in assenza di fatti nuovi, è difficile pensare che l'attuale alleanza di governo possa reggere a lungo.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Domenica 14 Luglio 2019, 12:42






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Tre motivi per i quali Salvini non molla i 5 stelle Ma è difficile pensare che l'alleanza regga a lungo
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 20 commenti presenti
2019-07-15 05:28:10
Purtroppo non ci si può fidare di forza Italia perché i colonnelli nominati da berlusconi puntualmente hanno tradito. Berlusconi purtroppo, come molti imprenditori, sceglie i suoi presunti eredi tra quelli che non gli faranno ombra e così ti trovi il fini voltagabbana e alfano idem. A padova ne sappiamo qualcosa hanno fatto cadere il sindaco per i soliti giochi di potere. Finale ci ritroviamo un vicesindaco fissato con un tram che nessuno vuole sostituibilissimo da normali filovie ma quelle lo stato non le finanzia.
2019-07-14 21:47:15
Mi hanno sempre insegnato che basta un motivo (non servono tre o quattro,servono solo a confondere e sviare) per definire un problema: Le Poltrone!!
2019-07-14 19:21:27
È un anno, da quando si è formato il Governo Lega-M5S, che i Mezzi di Informazione, secondo me, non fanno altro che annunciare la crisi e la caduta di questo Compagine governativa. E ho l’impressione che una parte dei Media non veda l’ora che questo accada. Forse desiderano che la situazione italiana non cambi, che rimanga immutata ed è un grande errore. Io sono invece convinto che l’On. Matteo Salvini, ma ancora molto di più il M5S aspiri a cambiare questo Paese, ovviamente in meglio. E i Provvedimenti fatti dal M5S in questi 11 mesi non si sono fatti attendere. Ne cito solo alcuni dei numerosi: la Legge Dignità e il Salario minimo che tutelano di più tutti i Lavoratori, la Legge Spazzacorrotti contro la Corruzione, la Prescrizione che entrerà a regime a gennaio, il Reddito e le Pensioni di Cittadinanza contro il disagio sociale e la povertà, la riduzione del numero dei Parlamentari alla Camera e al Senato, il taglio dei vitalizi e delle pensioni d’oro ecc. Sono tutte iniziative, sottolineo promosse e realizzare dal M5S in soli 11 mesi. E la Legislatura ha una durata di cinque anni.
2019-07-14 21:24:40
Ha fatto bene ad elencare le leggi (faticosamente) fatte approvare dal Movimento. Soprattutto in questa rubrica dove ad una lettera inneggiante ad un politico sulla creata dell'onda ma che di fatto nulla fa, se non propaganda e tweet e comparsate televisive dove ripetere i soliti slogan, risponde alla solita maniera democristiana il Direttore. Le uniche cose imposte dalla Lega in 11 mesi sono i due Decreti Sicurezza che hanno ostacolato l'attivita' (discutibile) delle ONG ma non hanno certo aumentato la sicurezza sul territorio. Tuttaltro: l'eliminazione degli SPRAR ha solo aumentato il numero di tanti giovani che vagano per le citta' ed i paesi: nel migliore dei casi elemosinando fuori dai market o vendendo rose o cianfrusaglie, negli altri casi fornendo manovalanza alle Mafie per lo spaccio di droghe.
2019-07-15 19:42:46
L’unica che mi è piaciuta e che spero passi rapidamente è la riduzione del numero dei parlamentari. Se poi si riuscisse a togliere lo statuto speciale. A sicilia e sardegna, ingiustamente concesso, allora si farebbe un gran passo avanti. Diverso è il discorso per le regioni di confine oltretutto molto più parche.