Alla guida con il cellulare in mano. Scattano i controlli in borghese

Giovedì 11 Luglio 2019 di Elena Filini
Alla guida con il cellulare in mano. Scattano i controlli in borghese
26
TREVISO - Trevigiani recidivi, troppo spesso alla guida con lo smartphone in mano. Ma ora arrivano i controlli in borghese. Tolleranza zero e abiti civili: così la polizia locale ha deciso di dare una stretta agli automobilisti indisciplinati. Dai prossimi giorni attenzione ai semafori: il vicino di finestrino potrebbe essere un agente. Che ha tutte le credenziali per sanzionare. «Non vogliamo fare gli sceriffi - precisa il comandante Andrea Gallo - agiamo per la prevenzione. Troppi gli incidenti per distrazione da telefonino. Sta diventando una piaga». Cinquantadue sanzioni per guida con smartphone solo nell'ultimo anno. E la polizia locale ha deciso di dire basta: dai prossimi giorni gli agenti trevigiani eseguiranno le ispezioni sotto copertura, ossia con auto civili. «Non se ne può più - sbotta il comandante - non smettono neppure quando li affianchiamo con l'auto d'istituto ai semafori. Le persone devono  capire che è un comportamento pericolosissimo». La guida distratta o con andamento indeciso è la seconda causa degli incidenti stradali in Italia visto che i dati del 2018 parlano di 24.200 incidenti pari al 14,6% delle cause dei sinistri. «C'è l'abitudine di telefonare sempre e comunque, ma la concentrazione alla guida è ridotta ai minimi termini con rischi enormi soprattutto per gli utenti deboli della strada come pedoni e ciclisti che spesso non vengono notati» evidenzia il comandante Andrea Gallo. Il Comando, in giorni e orari diversi, farà circolare degli agenti con auto civili e nel caso in cui i conducenti saranno intenti ad usare il cellulare procederà con l'immediata contestazione. 
LEGGI PIU' SEVEREAttualmente il codice prevede la sanzione di 165 euro, la decurtazione di 5 punti ma in caso di recidiva nei due anni successivi è prevista anche la sospensione della patente da 1 a  3 mesi. «Il nostro obiettivo», conclude Gallo, «resta sempre la prevenzione, per questo stiamo annunciando questi particolari servizi specifici. Nessuno, se rispetta le regole, può aver alcun timore dei controlli: la sicurezza stradale si costruisce non con le sanzioni ma con la diligenza degli utenti della strada». L'obiettivo della polizia locale resta comunque quello di prevenire i comportamenti pericolosi e la richiesta di controlli proviene dagli stessi utenti che rimangono coinvolti in incidenti per distrazioni causate da altri. Lo stesso legislatore sta aumentando le multe: proprio ieri la Commissione trasporti della Camera dei Deputati ha approvato il Disegno di Legge che inasprisce le sanzioni prevedendo la sospensione della patente, la decurtazione di 10 punti e multa fino a 2.588 euro. «Veicoli che sbandano spesso a sinistra, frenate improvvise o, ancora peggio, tamponamenti e incidenti stradali: sono le conseguenze della guida con il cellulare che distoglie lo sguardo dei conducenti dalla strada per rispondere a messaggi o leggere mail. Un fenomeno in preoccupante incremento» sostiene Gallo. 
IN AUTOSTRADALa stretta non riguarda solo la città: le pattuglie della Polstrada hanno già avviato dei controlli in borghese lungo l'autostrada A27, mirati proprio al rispetto del divieto di utilizzare il telefonino al volante. E sono fioccate le prime sanzioni. Perchè l'imperativo è prima di tutto evitare quelle condotte scorrette che possono causare inutili stragi sulla strada. «C'è estremo bisogno di lavorare anche sulla consapevolezza - conclude il comandante della Locale- in genere gli automobilisti sottostimano i rischi dell'uso del telefono in auto. Quindi queste misure non sono indirizzate a fare cassa, ma ad educare». 
Elena Filini © RIPRODUZIONE RISERVATA