Martedì 11 Giugno 2019, 00:23

Schianto mortale, sospetto choc: l'investitore litigava con l'ex fidanzata

PER APPROFONDIRE: incidente stradale, morto, schianto
Schianto mortale, sospetto choc: l'investitore litigava con l'ex fidanzata

di Denis Barea

TREVISO - «Ha sterzato di colpo a sinistra quando gli ho detto che era finita. Poi lo schianto e la tragedia», sarebbero state queste le parole che la ragazza coinvolta nello schianto costato la vita alla 62enne ex dipendente della Provincia Giuseppina Lo Brutto, avrebbe confidato a un medico dei soccorsi. «Quasi - è stata l'impressione - lui avesse voluto schiantarsi e farla finita contro l'auto». Le cause e la dinamica dell'incidente che, venerdì alle 23.45, è costato la vita a una 62enne si tingono di giallo.
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO
Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Schianto mortale, sospetto choc: l'investitore litigava con l'ex fidanzata
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 27 commenti presenti
2019-06-11 14:43:48
Adesso carcere....oppure 5 minuti col marito della donna!
2019-06-11 12:13:17
annamo bbene...
2019-06-11 09:42:50
E questo per il litigio con la morosa va ad ammazzare gente...(A parte il fatto che certe discussioni si dovrebbero evitare quando si è al volante)
2019-06-11 11:09:07
lei ha ragione ma oggi le persone potenzialmente pericolose sono molte. A partire da chi guida con il telefono sempre sott'occhio (e nessuno mette la multa) a quelli che guidano sparati nei centri abitati dei paesini (e sono pochi i comuni che mettono autovelox in centro). Per non parlare di quelli drogati (oggi sono saliti di numero i ragazzi neopatentati che usano ogni giorno eroina e marijuana) e gli alcolizzati (in Italia si può bere senza limiti dato che i controlli ci sono solo al sabato sera fuori dalle poche disco rimaste). Rimanere vivi oggi è una fortuna. Se poi si va via in bici o a piedi, bisogna essere fortunati di vivere in una città o paese dove ci sono le piste ciclabili. E dove abitava la signora e relativa provincia, si contano su una mano i paesi con qualche pista ciclabile. Se si va in provincia di Venezia e Padova li sono molte di più. Chissà perché la patria delle bici (Treviso) non ha piste ciclabili... e nemmeno strade nuove se bisogna dirla tutta... Una provincia che dal punto di vista della viabilità è rimasta ferma a 30 anni fa...
2019-06-11 12:23:01
Concordo perfettamente: drogati, maleducati (al telefonino a 20 all'ora, poi improvvisamente schizzano come pazzi, dopo aver finito di telefonare)e aver fatto una coda ecc. Le strade? Purtroppo sono da quarto mondo, anche a causa del patto di stabilità.....