Banksy, il re della Street art "cacciato" dai vigili a San Marco

PER APPROFONDIRE: arte, permesso, san marco, street art, venezia, vigili
Banksy, il re della Street art "cacciato" dai vigili a San Marco

di Michele Fullin

VENEZIA - Da qualche giorno girava la voce che Banksy, il re della street art, fosse a Venezia. Oggi pomeriggio lo ha confermato lo stesso writer inglese, pubblicando un breve video ironico sui social (Instagram) in cui lo si vede montare la sua opera "Venice in oil" su un grande cavalletto per poi essere mandato via dagli agenti della polizia locale  da piazza San Marco perché senza permesso.
 


Il video del 45enne artista, data l'immensa popolarità dell'artista, è diventato virale: in un'ora ha superato il mezzo milione di visualizzazioni.

È accaduto il 9 maggio scorso a due giorni dall'apertura al pubblico della 58. Biennale d'Arte, appuntamento del quale il noto street artist inglese annota su Istangram: «per qualche motivo non sono mai stato invitato». Così, in un video, ha registrato, la perfomance dell' esposizione e dell'allontanamento in sincronia temporale con l'immagine, sullo sfondo, di una nave da crociera in bacino San Marco. Ed è proprio un 'gigante del mare', dipinto in un quadro 'scomposto' (una serie di tele a olio che ritraggono appunto una nave nel bacino di San Marco), il soggetto del suo 'Venice in oil' esposto da una persona che mai si vede in faccia, pur con la telecamera puntata anche all'arrivo della polizia municipale. «Eravamo stati allertati dai Guardians - afferma  il comandante della Polizia Municipale lagunare, Marco Agostini -. Due agenti si sono avvicinati, quando l'opera era già esposta, ed hanno chiesto, in inglese, alla persona interpellata se aveva l'autorizzazione, invitandola poi ad allontanarsi, senza alcuna multa». Agostini aggiunge che né i due agenti hanno chiesto l' identità, né la persona ha detto chi era.  Banksy era già stato protagonista di un un blitz a Venezia, realizzando un murales sul muro di una casa con rappresentato un bambino naufrago, con giubbotto di salvataggio e una torcia in una mano che lo illumina.



I particolari sul Gazzettino del 23 maggio 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Mercoledì 22 Maggio 2019, 17:53






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Banksy, il re della Street art "cacciato" dai vigili a San Marco
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 45 commenti presenti
2019-05-23 14:54:37
Le poche volte che i vigili fanno qualcosa,combinano guai, gli artisti come Banksy sono benvenuti qui, sono i turisti e gli indiani vendi grano che non lo sono...invece che muscolosi e veloci nella corsa i vigili dovevano essere selezionati in base all' intelligenza/cultura non in base a quanto veloce corrono...
2019-05-23 14:49:29
Un appunto per quelli che plaudono ai vigili: banksy è un artista di fama mondiale e le sue opere fanno onore alla città che le ospita. Voi, invece, al massimo siete il nulla assoluto. Al massimo.
2019-05-23 12:50:49
Se la prendono con Banksy, in compenso la piazza è piena di indiani che vendono grano. Quelli non li vedono...
2019-05-23 09:47:35
La NOTIZIA e'che i vigili abbiano vigilato! P.S. Le regole vanno rispettate. FINE.
2019-05-23 09:24:11
IL MURAL al singolare, I MURALES al plurale, please.