Si affida a cure "palliative", mamma di due bimbi muore di tumore a 44 anni

PER APPROFONDIRE: mamma, marta roncaglia, morta, tumore
Si affida a cure palliative, muore  di tumore a 44 anni. Lascia 2 figli

di Marco Corazza

Aveva cercato una cura alternativa per sconfiggere il tumore: una mamma di due bambini muore a 44 anni.

Marta Roncaglia, originaria di Portogruaro ma residente a Udine, è deceduta ieri al Santa Maria della Misericordia del capoluogo friulano. Da due anni la giovane mamma di due splendidi bambini di 3 e 5 anni, stava combattendo contro un tumore al seno. Le cure a cui la donna si era sottoposta non hanno purtroppo avuto l'esito sperato. Cure per cui la donna aveva avviato anche un progetto di ricerca, come nel 2011, dal titolo "Cure Palliative non Oncologiche: riflessioni etiche". Purtroppo per lei  non c'è stato alcun recupero, lasciando sgomento e dolore tra i tanti che l'hanno conosciuta e amata.

Marta era esperta di bioetica e fondatrice dell'associazione l'Abbraccio

Mamma uccisa dal tumore in 6 mesi. Lascia un diario alle due figliolette

Il male stronca Caterina: si spegne a 43 anni, due paesi in lutto
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Mercoledì 1 Maggio 2019, 23:15






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Si affida a cure "palliative", mamma di due bimbi muore di tumore a 44 anni
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 55 commenti presenti
2019-05-03 13:35:33
Chi afferma che le cure alternative non funzionano lo fa perché ad oggi non sono supportate da NESSUNA statistica che ne decreta il risultato. Esistono purtroppo persone che si prendono il diritto senza alcuna coscienza, di divulgare notizie e cure senza fondamento giocando con la vita degli altri.
2019-05-03 17:02:40
Appunto, se non c'è alcuna statistica in merito è sbagliato affermare a priori che non funzionino, non avendo i dati necessari per poterlo affermare. Tutti i trattamenti medici esistenti, che io sappia, sono stati oggetto di sperimentazione per essere riconosciuti o meno: se si fosse da sempre stabilito a priori che non funzionavano e quindi rifiutati perchè mancavano statistiche a conferma, oggi saremmo ancora ad assistere a decessi di partorienti perchè nell'800 non esistevano statistiche secondo cui lavare le mani dopo un'autopsia su un cadavere per poi con le stesse toccare e visitare una partoriente evita di diffondere batteri patogeni e quant'altro (e il medico che all'epoca se ne uscì con questa idea "alternativa", Ignác Semmelweis, venne oseggiato dalla comunità scientifica di allora finchè 40 anni dopo si capì che aveva ragione, ma intanto lui finì in un manicomio a causa della pesante situazione nei suoi confronti). Sarebbe quindi più corretto affermare che non si sa se funzionino o meno poichè sull'argomento mancano degli studi, invece che dire che non funzionano pur senza alcun dato a conferma di ciò. I risultati di una cura vengono valutati dopo delle sperimentazioni, solo in quel caso si possono avere in mano dei dati per dire che funziona o meno. Senza queste sperimentazioni non si può affermare niente, nè che funzionino nè il contrario, perchè si farebbe un'affermazione categorica nonostante non ci sia il supporto di alcun dato oggettivo derivante da appositi studi. L'avesse avuta vinta la comunità scientifica di allora, e il voler automaticamente bollare ogni cosa non studiata e ignota come non valida, e non si fosse verificata la veridicità di quella intuizione, oggi avremmo ancora personale medico che dopo aver maneggiato cadaveri per delle autopsie senza alcun problema andrebbero a visitare dei pazienti senza lavarsi le mani.
2019-05-02 17:28:56
@ Signora Biscaro, e al suo discorso semplice e logico: millenni di studi di menti eccelse (dalle erbe medicinali ai premi Nobel per la medicina) sopravanzati in un attimo da un genio assoluto! Fantastica!
2019-05-02 18:00:07
Si studi delle case farmaceutiche x farsi soldi dalle malattie e assecondare i superficiali e faciloni come haime la maggioranza. Og persona che fa CHEMIO frutta a Big PHARMA molti zeri a fine ciclo. Ahimè a volte ha una fine ..scontata..statistiche alla mano. Si documenti mister Diego x
2019-05-02 19:47:33
Mi dica, Signora Biscaro, Lei quanti pazienti oncologici ha salvato? Mi può indicare il giornale scientifico dove riporta le sue statistiche?