Giovedì 25 Aprile 2019, 15:20

Testimone di Geova: 11 ore sotto i ferri per l'operazione al cuore ma senza trasfusione

Testimone di Geova: 11 ore sotto i ferri per l'operazione al cuore ma senza trasfusione
PADOVA - Prima di entrare in sala operatoria, come impone la legge sulle Disposizioni anticipate di trattamento, ha firmato un modulo in cuie metteva nero su bianco la sua totale contrarietà alle trasfusioni di sangue, anche in caso estremo. Ma al paziente, un 67enne leccese, testimone di Geova, quell'eventualità non si è neppure presentata. Il complesso intervento di cardiochirurgia, durato undici ore di fila e senza trasfusioni ematiche, è stato eseguito al Centro di cardiochirurgia Vincenzo Gallucci diretto dal professor Gino Gerosa. Un'operazione eccezionale, per la patologia di cui soffriva l'uomo e per quella richiesta di non trasfondere: attorno al tavolo operatorio una dozzina tra medici, infermieri, operatori sanitari. Il paziente pugliese presentava uno scompenso cardiaco associato a un ascesso che coinvolgeva valvola aortica, giunzione mitro-aortica e una vecchia protesi. E
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO
Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Testimone di Geova: 11 ore sotto i ferri per l'operazione al cuore ma senza trasfusione
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
3 di 3 commenti presenti
2019-04-25 19:26:51
Sorge spontanea una curiosita': ma l'intervento sarebbe durato COMUNQUE 11 ore, indipendentemente dall'impiego o meno di trasfusioni o la tecnica richiesta in questo caso era piu' lunga e complessa ? Poteva durare di meno ? 3-4-5 ore in meno ? Dubito che per 11 ore consecutive abbia lavorato UNA SOLA equipe medico-infermieristica. C'e' qualche ALTRO malato che e' rimasto in attesa di intervento (domani ? dopodomani ?) che si liberasse la sala e il personale ? Giusto per capire.
2019-04-25 18:40:29
Eccellenze Venete dove neanche una goccia di sangue, si spreca, brava l'equipe!
2019-04-25 20:14:34
Ma non c'e' l'ospedale a lecce ?? Sicuramente avranno professori laureati con 220 e lode, dunque perche' proprio a Padova ?????