Mercoledì 24 Aprile 2019, 18:04

Straniera occupa il posto disabili, tensione sul bus

PER APPROFONDIRE: busitalia, disabile, lite, padova
Un fermo immagine del video

di Gabriele Pipia

PADOVA - Un bus strapieno, una donna che sbraita, un uomo che gli risponde a tono invitandola a «rispettare le leggi italiane». I passeggeri assistono alla scena sbigottiti, qualcuno tira fuori il cellulare e inizia a filmare. L’autista è costretto a fermarsi e intervenire per evitare che la situazione degeneri. Il fatto è successo giovedì 18 aprile: il video di un minuto è stato condiviso ieri sulla pagina Facebook della sezione padovana di Forza Nuova diventando virale in pochi minuti. Linea 22, Padova-Mandria, cinque del pomeriggio. Una donna di origine africana, con un passeggino, occupa il posto destinato a passeggini e carrozzine. In quel momento arriva una donna padovana, disabile e seduta su una sedia a rotelle. Vorrebbe sedersi lì, ma la donna non gli lascia il posto. Apriti cielo. Dentro il bus scoppia la lite, perché altri passeggeri intervengono invitando animatamente la donna a far sedere l’altra signora. Lei si rifiuta e alza la voce: «It’s my right!», «È un mio diritto». Un uomo si scaglia contro di lei: «Qui non è a casa sua, lei in Italia osserva le leggi italiane. Non può fare quello che vuole lei. Perché se qualcuno viene a casa sua, rispetta le sue leggi». La tensione sale: una ragazza scuote la testa, la signora disabile si gira dall’altra parte per evitare lo scontro.
 

CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO
Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Straniera occupa il posto disabili, tensione sul bus
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 23 commenti presenti
2019-04-25 10:06:50
Dopo anni in cui sono stati difesi oltre ogni immaginazione, è logico che si sentano padroni in casa nostra.
2019-04-25 09:45:34
Questi sono i personaggi che abbiamo importato come poveri profughi. Al 90% sono solo approfittatori, senza nessun senso civico e totalmente privi di educazione. In una fase economica italiana come l'attuale (non c'è lavoro per tutti e la povertà aumenta) non abbiamo alcun bisogno di tali personaggi; rispedirli a casa loro il prima possibile e senza possibilità di ricorsi.
2019-04-25 08:07:44
Chissà perchè sento parlare solo di diritti e mai di doveri....
2019-04-25 07:25:12
qualcuno dovrebbre informare questi signori stranieri non solo su quali sono i loro diritti,ma anche su doveri che abbiamo tutti.
2019-04-25 08:03:25
A loro, sindacati, sinistre e chiesa hanno spiegato solo i diritti che hanno ma non i doveri. Mica e colpa loro se si comportano cosi, sono stati "istruiti" cosi.