«Cameriere straniero preso a schiaffi in pizzeria a Napoli». Denuncia choc su Tripadvisor

PER APPROFONDIRE: cameriere, pizzeria, schiaffi, tripadvisor
«Cameriere straniero preso a schiaffi in pizzeria». Denuncia choc su Tripadvisor

di Gennaro Morra

Un cameriere straniero preso a schiaffi perché non capisce l’italiano. È quanto denuncia un utente del sito TripAdvisor in una recensione su una pizzeria napoletana di via Tribunali. Carlo Rossetti, questo il nome del recensore, ha sintetizzato la sua esperienza nella pizzeria visitata ieri con il titolo «Uno schifo» e ha motivato così il suo giudizio negativo: «Pizza buona, ma un po’ pesante. Il problema non era la pizza, il problema è il proprietario - si legge nel commento pubblicato sul sito di recensioni più famoso del mondo - ha preso a schiaffi il cameriere perché non parlava bene italiano. Nella sala inferiore si sentivano urla, appena è salito il cameriere, abbiamo visto dei segni di uno schiaffo in faccia e abbiamo parlato con il proprietario, giustificandosi dicendo che non capiva ciò che doveva portare. Se ne sono andati tutti tranne noi che già stavamo mangiando. Addirittura una ragazza è uscita facendo quasi a botte con lei. So che i napoletani non sono così, ma questo è un animale!».

Vince Quattro Ristoranti ma gli haters bombardano Tripadvisor che chiude il profilo: «È stata scorretta».
 
Un’accusa grave che va al di là del giudizio sulla qualità del servizio offerto dal locale, ma prefigura un reato penale che potrebbe mettere nei guai il proprietario della pizzeria. Anche per questo il consigliere regionale dei Verdi, Francesco Emilio Borrelli, e lo speaker radiofonico, Gianni Simioli, hanno voluto fare chiarezza sulla vicenda, invitando il proprietario della pizzeria a chiamare Radio Marte nel corso del programma “La Radiazza”. E invece a raggiungere telefonicamente la storica emittente di Capodichino è stata Francesca, che si è presentata come la persona che ha scritto quella recensione (probabilmente utilizzando l’account di un parente o un amico).
 
«Vivo a Roma, ma ieri ero in giro per il centro di Napoli per trascorrere la Pasquetta con parenti e amici – ha raccontato la ragazza –. A ora di pranzo siamo entrati in questa pizzeria e ci hanno fatto accomodare nella sala superiore. A un certo punto, mentre aspettavamo parte delle nostre ordinazioni, sentiamo provenire da sotto urla, rumori di schiaffi e lamenti. Poco dopo, sale un ragazzino dell’est a prendere la comanda delle bibite e notiamo che ha una guancia rossa e i segni delle cinque dita. Inoltre, si vedeva che stava per mettersi a piangere. Allora gli abbiamo chiesto cosa fosse successo, sia in italiano che in inglese, ma lui non capiva nulla». A quel punto, turbato e indignato, qualche avventore se ne va e nella sala giunge quello che Francesca pensa sia il proprietario: «Si è detto dispiaciuto per quello che era accaduto, giustificandosi col fatto che il ragazzo, non capendo l’italiano, sbagliava a prendere le ordinazioni e lui aveva paura che non lo avvisasse della presenza di clienti con intolleranze o allergia – racconta ancora Francesca –. Pensava di raccogliere la solidarietà delle persone presenti in sala, invece abbiamo protestato tutti. Qualcuno se n’è andato, una signora gli ha detto in spagnolo che se avesse trattato suo figlio come quel ragazzo, lei lo avrebbe preso a calci». Poi, la ragazza riferisce a Simioli che sul sito di TripAvisor, in altre recensioni relative a quella pizzeria, si parla dei comportamenti maneschi del proprietario, ma, visitando il portale, sulla pagina dedicata al locale di questi racconti non c’è traccia: su cinque recensioni presenti, quattro sono positive e l’unica che parla di atti violenti ai danni di un cameriere è proprio quella di Carlo Rossetti.
 
Più avanti, nel corso del programma, è intervenuto telefonicamente anche il proprietario della pizzeria: «Ieri io non ero a lavoro, ma so che due miei dipendenti hanno litigato, scontro frutto di uno screzio verbale avvenuto tra loro già qualche ora prima – ha affermato l’imprenditore –. Si tratta di due persone che erano in prova, uno come cameriere e l’altro doveva gestire il locale quando non c’ero, ma ho già provveduto a mandare via entrambi. Nella mia pizzeria non voglio che succedano queste cose». A quel punto Simioli e Borrelli gli hanno fatto notare che era stato ingiusto punire anche il ragazzo che aveva preso gli schiaffi, invitandolo a richiamarlo e a dargli il lavoro di lavapiatti aspettando che impari l’italiano. Lui ha accolto il consiglio con poca convinzione, poi ha voluto scusarsi con i suoi clienti: «Sono mortificato, ma io non sono la persona che è stata dipinta da chi ha raccontato quest’episodio».
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Martedì 23 Aprile 2019, 17:38






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
«Cameriere straniero preso a schiaffi in pizzeria a Napoli». Denuncia choc su Tripadvisor
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 11 commenti presenti
2019-04-24 18:14:34
@@ ahahahahaahha ( ?? ). Ha ragione Toscani,vero enrico ?? Vieni,vieni a Rosolyn-Sur-Mer, nel bungalow abbiamo cosi' tanti spifferi di aria fredda che ti sembra di essere sull'altopiano del Pamir !! E invece che pizza napoletana,si mangiano fichi secchi,carrube e peperoncini.Ciao enrico,ciao ..........
2019-04-24 15:16:36
Conosco molto bene Trip Advisor, avendo fatto negli anni, solo riguardo ristoranti, piu' di 150 recensioni. Prima di tutto noto che si fa il nome e cognome del recensore, cosa impossibile perchè i recensori hanno tutti un nickname. E già questo mi fa pensare che qui gatta ci cova. Ho una certa eta' e giuro di non aver mai visto in vita mia un cameriere che viene avanti con il segno delle cinque dita su una guancia. Per cui ripeto il detto: qui gatta ci cova.
2019-04-24 14:00:38
strano però che tutti gli attori della commedia siano sintonizzati su radio marte. ed anche strano che il manesco non si sia qualificato come direttore e non come titolare.
2019-04-24 13:44:32
Sembra strano un imprenditore che mette come contatto col cliente un non parlante Italiano o altra lingua europea.
2019-04-24 13:44:08
Che storia edificante. Pero' poi se stai al ristorante e il cameriere e tutto il servizio in genere NON e' piu' che efficiente tutti a protestare e a scrivere negativita' su TA. SE il cameriere che capisce poco l'italico porta al cliente allergico il piatto sbagliato e il cliente muore che raccontiamo poi ? Cosa avrebbe scritto la gentile cliente ? Questo non giustifica la violenza e se NON sei idoneo a svolgere un lavoro non ti devo assumere. POi tutti a lamentarsi che non ci sono occasioni di integrazione.