Giovedì 18 Aprile 2019, 10:36

Profughi accolti in coop e in parrocchia: la vita da ricchi dei tre spacciatori

Lambioi Beach a Belluno, il luogo dove i profughi africani gestivano lo spaccio
BELLUNO Avevano trovato il loro posto magico i tre profughi africani sbarcati in Italia, qualche anno fa, e accolti a Belluno. Per chi scappa dalla guerra e dalla miseria quel posto magico potrebbe essere la struttura di accoglienza con vitto e alloggio gratis e 2 euro e 50 al giorno. Ma per loro no. Non era abbastanza. I tre profughi arrestati martedì mattina dalla Squadra Mobile di Belluno volevano essere ricchi. E per un periodo ci sono riusciti. Nema Sherif Hadara, 29enne senegalese accolto alla cooperativa di Via Vittorio Veneto, Amadou Koma, 22enne gambiano, accolto in una struttura della coop in via Silonghe a Sedico e Lamine Faty, 35enne senegalese accolto in una parrocchia in città, avevano creato, dal nulla, una frequentatissima piazza di spaccio a pochi passi dal centro di Belluno. Quello era per loro il posto magico: il boschetto vicino alla spiaggia sul Piave, Lambioi Beach, dove avvenivano le cessioni di droga.

CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO
Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Profughi accolti in coop e in parrocchia: la vita da ricchi dei tre spacciatori
CONDIVIDI LA NOTIZIA
VIDEO
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 17 commenti presenti
2019-04-19 06:36:29
Scusa intendevo pure quelle anzi sopratutto quelle . Parrocchie e preti.
2019-04-18 17:03:55
In Senegal e in Gambia non c'è nessuna guerra. Queste sono le stupidaggini inculcateci da certi geni della politica per farci digerire i clandestini. In compenso il danno provocato dallo spaccio alla nostra gioventù e quindi alla Società è incommensurabile. Io, Veneto, lavoro all'estero e posso fare dei confronti: se qualcuno dei "migranti" che giungono in Italia osasse soltanto "pensare", non già mettere in atto, le mascalzonate che commettono da noi, comprese le ribellioni alle Forze dell'Ordine, semplicemente scomparirebbero. Non dico che ciò sia giusto, ma neppure la nostra indiscriminata accoglienza e un "garantismo" che è offesa e punizione alle persone per bene (che alla fine, in qualche modo, pagano: calo di prestazioni sanitarie, aumento della delinquenza, denaro gettato in progetti ininfluenti, stupri, intasamento dei Tribunali, carceri sovraffollate, tasse incrementate per mantenere lazzaroni...) sono giusti.
2019-04-18 22:11:26
Concordo pienamente! Ma abbiamo mani legate e bocche cucite.
2019-04-18 16:17:18
Per un periodo ci sono riusciti. Certo, quello del buonismo, che ha fatto più danni di Chernobil. Chissà perché solo ora si comincia a impedirgli di spacciare, che è un reato assimilabile all'omicidio, perché annulla le persone.
2019-04-18 16:06:32
Quando uno arriva in un paese straniero e non sa nemmeno dove si trova e non conosce la lingua, ma si mette a fare lo spacciatore, e' per la semplice ragione che a casa sua faceva lo spacciatore ed e' venuto qui in base ad un semplicissimo ragionamento. Se in Senegal il mercato dei clienti per la droga e' 10 (dieci), in Europa lo stesso mercato è 1000 (mille).